Un’ottava edizione del Maggio Letterario iniziata ‘col botto’” ha esordito il referente dei Presidi del Libro di Cassano, Tano Grasso, presentando ieri, giovedì 2 maggio, agli studenti e al pubblico presente nell’auditorium del Liceo Leonardo-Platone, l’autore di “Mi riconosci”, Andrea Bajani.

Una manifestazione che riesce a far parlare di sé anche in periodi di scarso interesse per il mondo della cultura e che è frutto di sinergie tra la casa editrice cassanese Messaggi Edizioni, in collaborazione con i Presidi del Libro e l’associazione Amici della Biblioteca.

È spettato alla ‘padrona di casa’, la preside Tina Gesmundo, presentare Bajani e il protagonista del suo libro, Antonio Tabucchi, riuscendo, con evidente passione per lo scrittore scomparso un anno fa, a stimolare la curiosità degli studenti e destare la loro attenzione per un libro che, come pochi, si pregia di essere tra quelli “utili, che si tengono sul comodino”.

Spesso si parla di libri come mezzi per evadere dalla realtà”, ha esordito Andrea Bajani, “io non penso che i libri facciano questo, né desidero che provochino questo effetto. Anzi, dopo aver letto un libro il mondo dovrebbe sembrare diverso, dovrebbe costringere il lettore ad abbandonare tutte le catalogazioni con cui si classifica la realtà e a imparare tutto daccapo”.

S’è parlato di libri che ‘portano altrove’, di libri che ‘fanno perdere tempo’ descrivendo la realtà così com’è quasi suggerendo al lettore cosa pensare, quindi di libri ‘in grado di infilarsi sottopelle e cambiare le persone’.

L’autore ha quindi raccontato il processo evolutivo che ha fatto nascere “Mi riconosci”: tutto è cominciato con il libro “Se consideri le colpe”, dello stesso Bajani, che ha ‘stuzzicato’ la curiosità di Antonio Tabucchi ed è stato l’inizio dell’amicizia tra i due. Poi è venuta l’esigenza, per gli scrittori come anche per i bambini, di raccontare e sentirsi raccontare delle storie prima di ‘scivolare nel sonno’: “i racconti hanno il potere di aiutare i bambini ad addormentarsi senza rendersene conto, riuscendo a far superare dolcemente il varco della notte”. Allo stesso modo anche Tabucchi, un paio di notti prima di morire, ha voluto scrivere un piccolo racconto che l’accompagnasse a superare il limite, la soglia tra l’esserci e il non esserci, perché “in fondo il timore della notte è quello di scomparire”.

Bajani ha dichiarato di aver voluto omaggiare Tabucchi con questo libro: “il più grande regalo che si possa fare ad un autore, che s’è dovuto barcamenare tra mondo reale e mondo che vive nella propria testa, è quello di creare un mondo in cui questo confine non esiste più” perché un libro è un viaggio tra realtà e fantasia che spesso si confondono e vengono a coincidere.

Il prossimo appuntamento del Maggio Letterario 2013 è previsto per giovedì 9 maggio con la presentazione del libro “Tutte le donne dell’Imperatore” di Bianca Tragni, alle ore 18,00 nella sala conferenze della Biblioteca Comunale.

Annarita Mastroserio

 

Tags: , , , , , , ,