di Vito Surico

un intervento della sindaca Di Medio

Sono ancora una volta le interpellanze il pomo della discordia in Consiglio Comunale: nell’assise di ieri il punto dedicato alle questioni poste dai gruppi di minoranza al Sindaco e ai componenti della Giunta comunale era previsto in apertura dell’Ordine del Giorno. Ma un intervento del capogruppo di maggioranza Pasquale Campanale ha “sovvertito” l’ordine della discussione.

Campanale, infatti, ha chiesto che le interpellanze fossero discusse al termine della seduta, in modo tale da lasciare più spazio agli altri punti all’OdG che si sarebbero potuti, così, analizzare con più calma e, magari, consentendo agli uffici di mettersi già al lavoro sui provvedimenti approvati in Consiglio Comunale.

Se l’intenzione del capogruppo di “X Te” era quella di accelerare i tempi, beh, è miseramente fallita: la proposta di Campanale ha scatenato i gruppi di opposizione. Per Ignazio Zullo (“SìAMO Cassano”) la maggioranza ha voluto «introdurre una prassi. Le interpellanze devono avere la massima attenzione, poiché sono uno dei pochi strumenti che la minoranza ha per far sentire la voce dei cittadini»; per Teodoro Santorsola (“PrimaVera Cassano”) si è trattato di «una vera e propria forzatura. Non si è mai visto che le interpellanze venissero discusse alla fine del Consiglio»; per Del Re è stato «sovvertito l’Ordine del Giorno». E, a proposito della votazione, il capogruppo di “Più Cassano” ha parlato di una «farsa, poiché ora vi approverete lo spostamento del punto all’Ordine del Giorno alla fine del Consiglio». E così è stato. Le interpellanze sono state discusse in coda.

un intervento del capoguppo di “Più Cassano” Davide Del Re

Dopo più di un’ora di dibattito sull’argomento, il Consiglio Comunale ha proceduto con i lavori e l’analisi di quello che è diventato il primo punto all’Ordine del Giorno: l’adeguamento del regolamento edilizio al Regolamento Edilizio Tipo sul quale ha relazionato l’assessore Michele Campanale. Un atto che, a detta della maggioranza, non ha alcun tipo di discrezionalità, poiché si tratta di acquisire il RET senza modificarlo. Per i gruppi di minoranza è proprio questo il problema: l’atto portato in Consiglio Comunale è un mero adeguamento che prevede la diretta applicazione del RET. Cosa che sarebbe comunque avvenuta a partire dal 1° gennaio. Sarebbe stata, per i gruppi di minoranza, una buona occasione per intervenire sul regolamento edilizio comunale. Del Re ha dunque proposto il rinvio (bocciato dalla maggioranza ai voti) per poter condividere le proposte con tecnici e operatori del settore. Per Santorsola è mancata la condivisione e il coinvolgimento. Per Zullo, infine, è un atto vuoto, «votiamo il nulla». Il provvedimento è stato approvato con i voti della maggioranza e l’astensione dei tre gruppi di opposizione.

Approvato con i voti della maggioranza, di PrimaVera Cassano (nonostante Santorsola chiedesse chiarimenti in merito alla definitiva chiusura della questione) e Più Cassano (con Del Re che ha rivendicato il ruolo dell’amministrazione Lionetti in tutta la vicenda) e con l’astensione di SìAMO Cassano un debito fuori bilancio pari a 9.038 euro valevoli come risarcimento per occupazione abusiva del suolo pubblico nei confronti dei proprietari dell’area occupata dalla rotatoria in zona Sacro Cuore.

un intervento del consigliere di “SìAMO Cassano” Ignazio Zullo

Dopo una comunicazione della sindaca Di Medio su un prelievo dal fondo di riserva per rimpinguare il capitolo della mensa scolastica (con 19.974,46 euro), una variazione di bilancio che recepisce i fondi regionali per l’emergenza neve del gennaio 2017 ha sollevato le proteste dei gruppi di minoranza per i tempi con cui la stessa è stata fatta: i termini per le variazioni di bilancio scadono il 30 novembre e, nonostante l’atto sia stato approvato in Giunta a metà del mese scorso, lo so si poteva approvare nel Consiglio Comunale del 29 novembre. «È solo una ratifica, non c’è stato il tempo per portarlo prima in Consiglio», ha detto l’assessora Caprio prima di procedere al voto: favorevole la maggioranza, contrari i gruppi di minoranza.

Uno degli argomenti più attesi del Consiglio Comunale di ieri era la mozione presentata da SìAMO Cassano, Più Cassano e PrimaVera Cassano sul cinema “Vittoria”… ma non si è votato. La capogruppo di SìAMO Cassano Linda Catucci ha illustrato la mozione, sottolineando la valenza culturale e sociale del cinema e l’importanza di un intervento da parte dell’Amministrazione Comunale affinché lo stesso possa restare aperto. Al termine del suo intervento, è toccato a Pasquale Campanale che, con un nuovo colpo di scena, ha annunciato un punto all’Ordine del Giorno sull’argomento proposto dalla maggioranza che avrebbe fatto quindi decadere la mozione.

Lunga la discussione sulle modalità con cui “X Te” è intervenuta cercando di cassare la mozione dell’opposizione e la proposta di un nuovo punto all’Ordine del Giorno senza passare dalle commissioni.

Alla fine è il consigliere Zullo a proporre il ritiro della mozione (votato poi all’unanimità) anche in virtù di un suo emendamento proposto al bilancio della Regione Puglia per salvare i piccoli cinema monosala nei paesi con meno di 15mila abitanti. In attesa di sapere le sorti dell’emendamento di Zullo, però, dell’argomento in Consiglio Comunale non si discute e resta un mistero anche l’Ordine del Giorno proposto da X Te.

un intervento del capogruppo di “PrimaVera Cassano” Teodoro Santorsola

Spazio, finalmente, alle interpellanze con la sindaca Di Medio che ha risposto a quelle, illustrate nei precedenti Consigli Comunali, sull’abbattimento del pino secolare in piazza Dante (è tutto regolare, ha detto la prima cittadina, e sono stati fatti tutti i controlli e ottenuti tutti i permessi prima di procedere) e sulle deiezioni canine e il decoro delle strade (sarebbe stata individuata un’area da dedicare alla sgambatura dei cani, saranno potenziati i controlli per punire i proprietari incivili di cani). I tre gruppi hanno presentato congiuntamente un’interpellanza sulla Polizia Municipale alla quale Di Medio ha risposto che è stato individuato un nuovo responsabile del corpo e presto verrà fatta una ricognizione sulla spesa del personale per valutare l’assunzione di nuovi agenti.

Linda Catucci ha illustrato l’interpellanza di SìAMO Cassano sulla mensa scolastica, Amedeo Venezia ha interrogato la sindaca su ludopatia e case popolari, Del Re sul polisportivo e sugli interventi previsti per strade e marciapiedi e Santorsola sulla vicenda dell’invito a dedurre sulla questione del vecchio comandante della Polizia Municipale, sulla firma-timbro della prima cittadina sulle risposte alle interpellanze e, anch’egli, sulla mensa scolastica.

 

Tags: , , , , , , ,