di Vito Surico

il capogruppo di PrimaVera Cassano, Teodoro Santorsola, consegna alla sindaca Di Medio due bandiere (foto Facebook)

È passata appena una settimana dal Consiglio Comunale dello scorso 23 luglio quando sono stati approvati i regolamenti relativi ai servizi sociali. E, proprio in quell’occasione, il gruppo PrimaVera Cassano ha presentato un’interpellanza in merito alla mancata esposizione del tricolore al Monumento ai Caduti in piazza Dante e al Cimitero Comunale che, per la sindaca Di Medio, è dovuta al fatto che le bandiere costano 200 euro l’una e il Comune non può permettersi quella spesa.

L’argomento ha tenuto banco, tra indignazione e ironia anche sui social network, per tutta la settimana ed è stato protagonista in apertura del Consiglio Comunale celebratosi oggi: il capogruppo di PrimaVera Cassano, Teodoro Santorsola, a nome di tutti i gruppi di minoranza, ha portato in aula la voce di «una folta schiera di nostri sostenitori» che reclamavano a gran voce l’apposizione del tricolore e hanno sostenuto la spesa per l’acquisto di due bandiere che lo stesso Santorsola ha consegnato, durante il Consiglio, alla sindaca Di Medio. Prima dei ringraziamenti di rito della prima cittadina ai propri concittadini, le proteste della maggioranza per il modo in cui il tricolore è stato consegnato e la rivelazione che il Comune sarebbe già in possesso di altre quattro bandiere, ma che le stesse non vengono apposte vicino ai suddetti monumenti poiché non è richiesto dalla legge (che, ha spiegato il consigliere di maggioranza Francesco Cavalluzzi, obbliga all’esposizione del tricolore solo nelle date prestabilite, mentre per il resto dei giorni ci sarebbe bisogno di un “flagman” che si occupi dell’alzabandiera all’alba e della rimozione della stessa al tramonto).

La querelle si è comunque conclusa con il ringraziamento della sindaca Di Medio per il «gesto bellissimo che fa onore ai cittadini. Ma ora mi aspetto anche la loro partecipazione agli eventi commemorativi che vengono organizzati nel Comune».

un intervento del capogruppo di Più Cassano, Davide Del Re

Sempre in fase di comunicazioni al Consiglio, Ignazio Zullo ha dovuto lasciare l’assise per partecipare al Consiglio Regionale che si svolgeva in contemporanea, mentre la consigliera Linda Catucci e il consigliere Davide Del Re hanno espresso disappunto per il modo di fare della maggioranza che non ascolta i gruppi di minoranza: la prima ha manifestato l’intenzione di non partecipare più alle Conferenze dei Capigruppo («non ci tutelate, le trovo inutili»), il secondo ha parlato della mancata condivisione delle decisioni che porta alla convocazione di Consigli Comunale in cui «non è garantita la presenza di tutti i consiglieri. Cosa che invece la Presidente dovrebbe fare».

La convocazione di questo Consiglio Comunale mattutino di fine luglio, però, è stata necessaria per l’approvazione dell’Assestamento di Bilancio, inserito al terzo punto all’ordine del giorno e preceduto da due ratifiche di variazioni al bilancio stesso.

La prima, nel dettaglio, relazionata dall’assessora Caprio prevede lo spostamento di 197.500 €, 95mila dei quali verranno utilizzati per le manutenzioni stradali, 15mila per la scuola senza zaino, 20mila per l’installazione dei dossi stradali e 65mila per l’acquisto di una spazzatrice per il centro storico.

«Sono argomenti che meritavano un approfondimento serio – ha esordito Santorsola nel suo intervento – ma che avete portato in commissione solo venerdì scorso, cioè un giorno lavorativo prima della seduta di Consiglio. Esprimo perplessità per l’acquisto della spazzatrice (dovrebbe pensarci la ditta che ha in appalto la raccolta rifiuti) e per i dossi (che erano già inseriti nei lavori delle rotonde). Non c’è chiarezza negli interventi che volete attuare e queste risorse potevano essere gestite in maniera diversa».

Il consigliere Davide Del Re, Più Cassano, ha chiesto chiarimenti in merito ai lavori di manutenzione stradale previsti («asfalti e marciapiede» la vaga risposta dell’assessore Michele Campanale) e se ci fosse una relazione di accompagnamento per l’acquisto della spazzatrice «che verrà poi donata al gestore. E non sappiamo nemmeno se resterà quello attuale o il Comune intende affidarsi al nuovo contratto». «Non è un regalo – ha risposto l’assessore Briano – ma un comodato d’uso gratuito che consentirà al Comune di risparmiare, proprio perché il gestore è in scadenza e non possiamo chiedergli di fare questo investimento e, soprattutto, l’acquisto della spazzatrice non è inserito nemmeno nel contratto dell’Ambito».

Per Del Re, dunque, manca una programmazione e per questo, insieme a Linda Catucci e Teodoro Santorsola (assente per motivi di lavoro Amedeo Venezia) ha votato contro la ratifica alla variazione di bilancio che è stata, invece, votata a favore dagli undici di maggioranza (assente la sola consigliera Gatti) perché, come ha affermato la sindaca in fase di dichiarazione di voto «sono spese di investimento che restano alla città».

un intervento dell’assessora al bilancio, Annamaria Caprio

La seconda variazione di bilancio, invece, ha riguardato gli acquisti degli arredi per lo IAT per adeguare lo stesso agli standard di Puglia Promozione: 5000 euro che vengono presi in parte dai risparmi per l’acquisto degli arredi per la scuola senza zaino (sui 20mila previsti il Comune ne ha risparmiati 3500, ha affermato l’assessora Caprio) e in parte da quelli rivenienti dall’informatizzazione degli uffici comunali (5500 euro spesi sui 7000 preventivati).

Anche su questo punto i gruppi di minoranza hanno votato contro per la mancanza di programmazione anche dal punto di vista turistico: «avete acquistato gli arredi, ma bisogna farlo funzionare adeguatamente. Serve un piano strategico, comunicativo e formativo per gli operatori che ne fanno parte», ha affermato Santorsola.

«Lo IAT lo abbiamo voluto noi – è stata la risposta dell’assessora Caprio durante la dichiarazione di voto – e questo implica che la programmazione ce l’abbiamo. Non potevamo sapere che servivano gli arredi e non abbiamo potuto mettere la somma a bilancio. Da qui la variazione. È in linea con la nostra programmazione sul turismo».

Anche questo punto è stato approvato a maggioranza come, poi, l’Assestamento di Bilancio sul quale ha relazionato sempre l’assessora Annamaria Caprio: «è il nostro primo bilancio strutturato politicamente – ha affermato – che non guarda solo alle emergenze ma anche alle nostre linee programmatiche. L’Assestamento prevede l’uso di 70500 euro (prelevati dall’avanzo) per le manutenzioni, 34mila euro per il Cimitero, 20mila per il basolato, 16mila per la manutenzione delle case popolari, 10mila per interventi di manutenzione sulle scuole, 15mila per il patrimonio, 4500 per la Protezione Civile. Insomma, è un Assestamento fatto di scelte oculate e nell’interesse dei cittadini cassanesi».

un intervento del capogruppo di PrimaVera Cassano, Teodoro Santorsola

La mancanza del DUP, il Documento Unico di Programmazione, ha sollevato le critiche dei gruppi di minoranza: per Santorsola «sarà anche non imposto dalla norma ma è stato introdotto dal legislatore ed è un elemento programmatorio fondamentale. La sua mancanza è una grave omissione politica: serve per comprendere quali sono le modifiche apportate al Bilancio. È un elemento cardine ma è assente». Per l’assessora Caprio, il DUP 2018-2020 «è stato approvato appena qualche mese fa e voi volete già il DUP 2019-2021? Questo assestamento riguarda il bilancio 2018-2020. Il DUP non c’entra niente».

Il consigliere Del Re, prima di abbandonare l’aula per motivi personali e non votare l’assestamento, ha comunque espresso il proprio parere contrario al documento: «avete i soldi nel bilancio ma manca una specifica di come intendete utilizzarli». Per Santorsola, poi, «è evidente che questa “manovra d’estate” è figlia delle sollecitazione che vi arrivano, con le interpellanze dai gruppi di opposizione». Mentre per Catucci «il DUP avrebbe contribuito a dare maggiore chiarezza».

Tuttavia, per la sindaca Di Medio, si tratta di «interventi ponderati» e l’Assestamento di Bilancio è stato votato favorevolmente dagli 11 consiglieri di maggioranza, mentre i due consiglieri di minoranza (Santorsola e Catucci) hanno espresso voto contrario.

All’ultimo punto all’ordine del giorno c’erano le interpellanze, ma nessuno, in questa circostanza, ne ha presentate.

Al termine del Consiglio Comunale gli “auguri” della sindaca Maria Pia Di Medio per una buona Festa Patronale e per una serena estate.

un intervento della sindaca Maria Pia Di Medio

 

Tags: , , , , , , , , , , , , ,