di Vito Surico

lo striscione che ha accolto l’Atletico Cassano all’ingresso in campo il 12 marzo 2016, prima gara casalinga dopo la promozione in Serie B, ottenuta nella giornata precedente, il 5 marzo (foto di Alessandro Caiati)

Siamo ormai agli sgoccioli del 2016 e per l’Atletico Cassano è tempo di tirare le somme: quello che va concludendosi, per i biancoazzurri, è sicuramente un anno che andrà in archivio come uno dei migliori della propria storia, sicuramente il più ricco di successi e soddisfazioni.

Chiuso il 2015 con le braccia al cielo per sollevare la Coppa Italia regionale di Serie C1, gli uomini di mister Mastrocesare hanno continuato a vincere anche nel “nuovo” anno, assicurandosi la meritatissima storica promozione nel campionato nazionale di Serie B, arrivata il 5 marzo con ben quattro giornate d’anticipo rispetto alla fine del campionato. Le gioie, in casa biancoazzurra, poi, sono continuate con la vittoria della Supercoppa regionale, il 19 aprile, a sancire lo storico triplete della stagione 2015-2016.

Il 1° ottobre si è aperta una nuova pagina di storia per la società guidata dal presidente Michele Ruggiero, con l’esordio nel campionato nazionale di Serie B (Girone F). E anche in questa nuova “avventura”, capitan Vera e compagni hanno subito cominciato alla grande, chiudendo il girone d’andata con 7 vittorie (la prima nella seconda giornata, l’8 ottobre), 4 pareggi e 2 sole sconfitte (nelle ultime due giornate) che regalano all’Atletico Cassano la quarta posizione in classifica e la qualificazione ai sedicesimi di finale di Coppa Italia di categoria. Insomma, matricola sì, ma con le idee ben chiare e tanta voglia di far bene…

Di questo straordinario anno in biancoazzurro abbiamo parlato con uno degli artefici del sogno diventato realtà, uno dei “padri fondatori” di una piccola realtà che si è trasformata in una grande famiglia, affamata di vittorie e, soprattutto, di sano sport: il direttore generale Mimmo Vitulli.

il direttore generale dell’Atletico Cassano, Mimmo Vitulli (al centro), insieme al presidente Michele Ruggiero (alla sua sinistra) e al vicepresidente Giuseppe Salonia (foto di Alessandro Caiati)

31 partite giocate nel 2016, 19 vittorie (tra Serie C1, Serie B e la finale di Supercoppa), 6 pareggi e 6 sconfitte (comprese le due nel triangolare di Coppa Italia nella passata stagione). Una Supercoppa vinta, la promozione in Serie B da prima classificata e il conseguente esordio in cadetteria, non consideriamo la Coppa Italia solo perché, tecnicamente, è stata vinta a fine 2015. Il 2016 è stato un anno ricco di soddisfazioni, forse il più positivo nella storia dell’Atletico Cassano. Facciamo un bilancio dell’anno che va concludendosi.

Sono, per deformazione professionale, un “uomo di numeri” e quelli che hai enunciato sono inconfutabili. Un anno bellissimo, pieno di soddisfazioni e gioie sportive, sicuramente il migliore della nostra storia: ovviamente quando si vince non si può che ricordarlo come il più entusiasmante. Ma sono dell’avviso che le cose si costruiscono col tempo e quindi anche gli altri anni ci sono serviti a fare esperienza e a imparare.

A ottobre l’esordio nei campionati nazionali. Un esordio decisamente positivo. Alla chiusura del girone d’andata, la “matricola irriverente” Atletico Cassano occupa la quarta posizione in classifica e ha centrato la qualificazione ai sedicesimi di Coppa Italia. Che giudizio possiamo dare, finora, alla prima stagione dell’Atletico Cassano in Serie B?

Positivo, senz’altro. Ci siamo affacciati per il primo anno nel nazionale con molta umiltà sapendo, comunque, di aver allestito un roster di tutto rispetto per affrontare la categoria. Il nostro obiettivo è quello di rimanere lì dove siamo ora, giocarcela con le migliori e trarre le conclusioni alla fine. Sicuramente abbiamo pagato fortemente pegno alla sfortuna in questo girone di andata con una serie incredibile di infortuni e problematiche che hanno fortemente minato il nostro cammino. Vedo il bicchiere mezzo pieno perché mi sarebbe piaciuto giocare le gare con la squadra al completo.

Proviamo a fare mente locale: quale ritieni sia stata la partita più bella dell’Atletico Cassano nel 2016? E quale, se c’è stata, la più brutta? Più in generale: quale l’emozione più grande che ti ha regalato la squadra in quest’anno e quale, sempre se c’è stata, la più grande delusione?

A caldo direi la partita di Brindisi l’anno scorso [nella stagione 2015-2016, n.d.r.] dove abbiamo messo forse il punto sulla vittoria finale, giocando un grande futsal. La più brutta è anche la più fresca: la sconfitta di quest’anno con la capolista Isernia. Abbiamo mollato troppo presto al cospetto di un grande avversario: alla fine abbiamo preso un’imbarcata immeritata. Poi che dirti: emozioni tante, delusioni poche.

Adesso è il momento di guardare avanti: il nuovo anno comincia già con una sfida da brividi. L’Atletico Cassano farà visita al Comprensorio Medio Basento, squadra in ottima forma in questa fase della stagione. Cosa ti aspetti dal rientro dopo le festività?

Sicuramente una partita difficile su un campo molto piccolo, poco consono al futsal e che noi notoriamente soffriamo. Il CMB è una grande squadra, rinforzata ancora nel mercato dicembrino e che sta inanellando una serie positiva di risultati dopo un inizio altalenante. Sarà una battaglia.

Siamo in attesa dei sorteggi per la Coppa Italia. Quale sarà il ruolo dell’Atletico Cassano in questa competizione?

Così come per il campionato anche questa competizione l’affronteremo con la massima concentrazione. Sappiamo che andremo ad incontrare squadre forti in questi preliminari ma sarebbe veramente una soddisfazione immensa raggiungere la final eight. Ce la giocheremo, come sempre.

Per concludere, quali sono gli obiettivi dell’Atletico Cassano per il 2017?

Continuare a crescere e fare bene. Dobbiamo necessariamente rinforzare il settore giovanile e sperare che i giovani si avvicinino al nostro sport. Scontiamo la presenza del nostro fratellastro calcio e quindi l’utenza è abbastanza ristretta: speriamo che i risultati che stiamo ottenendo aumentino l’entusiasmo e avvicinino i ragazzi.

La squadra, intanto, ha chiuso l’anno sul campo: due le amichevoli che hanno visto l’Atletico Cassano protagonista in questi ultimi giorni del 2016. Giovedì scorso, 22 dicembre, i biancoazzurri hanno battuto in trasferta il CSG Putignano (Serie C1) per 5-2, mentre ieri, mercoledì 28 dicembre, hanno perso in casa della Virtus Noicattaro (Serie A2) per 6-3. Mister Mastrocesare, dunque, non dà tregua ai suoi, preparandoli ad un avvio di 2017 che si prevede scoppiettante…

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Tags: , ,