di Vito Surico

Mimmo Vitulli, direttore sportivo dell'Atletico Cassano

Mimmo Vitulli, direttore sportivo dell’Atletico Cassano

Sono stati giorni intensi, questi primi di agosto, per costruire l’Atletico Cassano che tra qualche settimana ricomincerà la stagione agonistica: si riparte dalla Serie C1, si riparte con la voglia di pensare in grande e da grande. Come dimostrano i colpi di mercato messi a segno dalla società.

Il Ds Mimmo Vitulli, in questi due mesi, ha lavorato dietro le quinte per portare a Cassano giocatori di altissimo livello e regalare a mr. Mastrocesare un roster che consenta ai tifosi ed alla città di sognare risultati ambiziosi.

Ds Vitulli, mancano poche settimane all’inizio del campionato di Serie C1 e l’Atletico Cassano si sta guadagnando il titolo di “regina del mercato”. Le ultime ufficializzazioni sono dei veri e propri colpi di mercato. Come si è mossa la società in questa sessione estiva?

Beh regina del mercato è un po’ esagerato. Ci sono altre società che hanno lavorato bene rinforzando roster già forti e mi riferisco al Molfetta che ha confermato i big della scorsa stagione e con l’acquisto di Colangelo dal Bisceglie ha fatto un colpaccio. Ad onor del vero è stato un profilo che ho seguito anche io ma impegni lavorativi del biscegliese non gli hanno consentito di essere dei nostri. Ho visto anche la neopromossa Locorotondo muoversi bene.

Mezzapesa, Bellantuono, Lestingi, Lemonache, Sciannamblo, “Kiko” Arias e Grieco… possiamo considerare chiuso il mercato biancoazzurro o manca ancora qualche tassello? I tifosi devono aspettarsi ancora sorprese da qui all’inizio del campionato?

Ora fatemi andare comodamente in vacanza!!! Ci sono stati due mesi di fuoco: avrò analizzato almeno una trentina di profili! Abbiamo chiuso il roster sicuramente. La squadra è completa e numericamente siamo più che congrui. Durante l’evolversi della stagione vedremo. Mi preme, però in questo momento ringraziare il presidente del Rutigliano Domenico Lamorgese e il suo Ds Rino Dimaso che si sono dimostrati ancora una volta disponibili e aperti nei nostri confronti. E poi Paolo Digrassi ds del Sammichele, Nicolò Abbattista ds del Bisceglie, l’agente Andrea Candeloro e tanti altri. Sono stato il loro incubo in questi mesi ma la disponibilità che hanno dimostrato è stata fuori dal comune. Grazie!

L’Atletico Cassano riparte da una base ben consolidata: Anastasìa, Casalino, D’Ambrosio, Genchi, Vera e i giovani Angiulo, Papa, Passarelli e Volarig. Come pensa si integreranno i nuovi nel gruppo?

Spero bene e poi molti di loro si conoscono abbastanza bene già. Sono convinto che si creerà il giusto connubio e la giusta unione per fare bene. Ci vorrà solo unione di intenti e capacità di stare in gruppo.

La prima vera novità dell’Atletico Cassano 2015/2016 è stato l’ingaggio di mister Angelo Mastrocesare. Chi è il nuovo allenatore biancoazzurro? Cosa potrà dare all’Atletico?

Sì, era il necessario punto di partenza dopo la volontà di Gabriele di defilarsi da quel ruolo. Angelo non lo devo annunciare io: parlano per lui anni di esperienza nelle migliori piazze pugliesi, un palmares di tutto rispetto e soprattutto una conoscenza peculiare della disciplina. Ci darà esperienza e carisma. E spero un bel gioco!!!

Parliamo del campionato che sta per iniziare: tra conferme e novità, quali saranno le maggiori insidie sulla strada dell’Atletico Cassano?

Il campionato di C1 è impegnativo. Innanzitutto noi dobbiamo essere coscienti di essere una bella squadra e lavorare seriamente per mantenere le aspettative. Poi al già citato Molfetta aggiungerei il Brindisi che l’anno scorso ha fatto bene e ha confermato la rosa e sicuramente Ostuni, Altamura e Locorotondo. Poi nulla di più facile che possa uscire fuori, come tutti gli anni, qualche altra bella sorpresa.

Capitolo Polisportivo: in attesa dell’approvazione del Bilancio di Previsione 2015, le prospettive per la struttura di via Grumo non sembrano rosee. Cosa chiede la società all’Amministrazione Comunale?

Abbiamo già fatto degli incontri con gli Amministratori. Hanno a cuore le sorti della struttura e delle associazioni. Nonostante le difficoltà si troveranno le soluzioni per garantirci la regolare fruizione dell’impianto.

Il roster, quest’anno, è “da sogno”. Qual è l’obiettivo dell’Atletico Cassano?

Credo sia inutile nascondersi. Abbiamo allestito la squadra per provare a salire di categoria. Certo non sarà agevole perché anche altri vogliono la stessa cosa. Ma abbiamo il dovere di provarci dal primo fino all’ultimo minuto.

Un messaggio ai tifosi cassanesi.

Di seguirci con passione sempre. Possibilmente anche fuori casa. Sarebbe bello se si creasse un seguito importante e si creasse la giusta enfasi tra la squadra e la cittadinanza.

 

Tags: , , , ,