di Vito Surico

l’Atletico Cassano a difesa della propria porta su una punizione dal limite assegnata al Manfredonia C5 (foto di Alessandro Caiati)

Che i play off siano un campionato a parte è ormai assodato e di emozioni, se possibile, ne regalano anche più rispetto alla stagione regolare: è stata una gara al cardiopalma la semifinale d’andata che ha visto l’Atletico Cassano perdere 3-2 sul campo del Manfredonia C5. Un tempo per uno con i “pellicani” più pimpanti in avvio di gara che, però, si sono spenti nel corso del match, sbattendo contro il muro di casa e consentendo, a un minuto e mezzo dal suono della sirena, agli uomini di Grassi di fare bottino pieno.

Tanto rammarico per le tante occasioni sprecate nel primo tempo dagli uomini di Pellecchia che, nel finale, hanno avuto anche l’occasione di pareggiarla, ma il portiere avversario ha negato il gol del 3-3.

LA PARTITA

Senza l’acciaccato Cutrignelli e con Rotondo a mezzo servizio, mister Pellecchia schiera Dibenedetto, Rodrigues Miani, Manzalli, Caio e Alemão Glaeser ed è sull’asse Rodrigues Miani – Caio che nasce la prima occasione del match con il primo che lancia lungo sulla testa del secondo che non inquadra lo specchio della porta. Il Manfredonia risponde con Ferreyra che la manda alta sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

l’esultanza di Rodrigues Miani, con Felipe Manzalli, dopo la rete del momentaneo 0-1 (foto di Alessandro Caiati)

Rodrigues Miani ci prova dalla destra e manda alto anche lui mentre Caio, in ripartenza, calcia al lato da appena fuori area di rigore. I due confezionano l’azione del vantaggio: Caio è autore di un ottimo recupero a centrocampo, va per vie centrali e lancia Rodrigues Miani sulla destra. Il numero 2 biancoceleste la manda nel sacco. Rodrigues Miani è sugli scudi e, poco dopo, imbuca alla perfezione per Alemão Glaeser in area di rigore, il vicecapitano con un pregevole tocco di tacco esterno sfiora il palo.

Il Manfredonia si vede dalle parti di Dibenedetto solo con Sperendio, in due occasioni, ma il portiere biancoceleste è sempre attento. Mentre Alemão Glaeser, dall’altra parte, fa nuovamente la barba al palo, complice una deviazione di Morais, su assist di Pina. Caio costruisce per Rotondo, Morais respinge e Abraham libera l’area.

Al 13’ il Manfredonia si rende per la prima volta veramente pericoloso e raccoglie i frutti sperati: Barbosa vince un rimpallo con Rotondo e la mette a centro area per Sperendio che manda il pallone alle spalle di Dibenedetto. Due minuti dopo, con un’azione simile sugli sviluppi di un calcio d’angolo, i padroni di casa trovano addirittura il raddoppio, nuovamente con Sperendio su assist di Barbosa.

Dibenedetto neutralizza un potente tiro direttamente da calcio di punizione del solito Sperendio. Dall’altra parte Morais manda in angolo un tiro libero di Rotondo e, poco dopo, un tentativo di Manzalli dalla destra. Nulla può, però, sul missile che il capitano scaglia alle sue spalle al 18’: Morais sbaglia il rinvio, ne approfitta Rodrigues Miani che ruba palla a Ferreyra al limite, serve centrale Rotondo che, di rabbia, fa il 2-2.

l’esultanza liberatoria di capitan Paolo Rotondo dopo la rete del momentaneo 2-2. Il capitano, poco prima, aveva sbagliato un tiro libero (foto di Alessandro Caiati)

Grassi schiera subito Gesualdi nel ruolo di portiere di movimento ma non succede più nulla.

In avvio di ripresa è ancora Morais a neutralizzare un tentativo di Alemão Glaeser che, in contropiede con Rodrigues Miani, non riesce a fare centro. Il Manfredonia, allora, prende coraggio e impegna Dibenedetto con Abraham, Sperendio e Laccetti.

L’Atletico Cassano, però, c’è e lo dimostra con Rodrigues Miani che impegna Morais direttamente su calcio di punizione, sulla ribattuta Pina trova l’opposizione di Sperendio che manda in angolo. Lo stesso Pina imbuca per Alemão Glaeser che calcia al lato, sulla ripartenza Ferreyra colpisce la base del palo. Conto dei legni pareggiato subito da Rotondo.

A due minuti dal suono della sirena l’arbitro inventa un fallo del capitano su Barbosa: è tiro libero. Sperendio, dai 10 metri, trova la pronta risposta di Dibenedetto.

Proprio quando sembra che la partita vada verso il pareggio è Abraham a metterla in area dalla destra: una sfortunata deviazione di Rodrigues Miani su un pallone che pareva destinato sul fondo beffa Dibenedetto.

A 25’’ dalla fine è Morais a salvare il risultato con un doppio intervento su Alemão Glaeser che, da due passi, trova la risposta del portiere avversario.

Sabato prossimo, dunque, si riparte da una sconfitta, con un solo gol di scarto, ma la strada verso la finale dei play off è ancora a portata di mano e l’Atletico Cassano sa che dovrà fare di più: servirà vincere al PalAngelillo e vincere bene per non lasciarsi sfuggire l’ultimo obiettivo stagionale rimasto.

MANFREDONIA C5 – ATLETICO CASSANO 3-2 (pt 2-2)

MANFREDONIA C5: 2. Morais; 4. Ciullo; 5. Sperendio; 6. Murgo; 7. Boutabouzi; 8. Ferreyra; 9. La Torre; 10. Laccetti; 11. Gesualdi; 15. Abraham (Cap.); 17. Barbosa; 22. Angiulli. Allenatore: Michele Pio Grassi

ATLETICO CASSANO: 1. Dibenedetto; 2. Rodrigues Miani; 4. Konè; 5. Rotondo (Cap.); 6. De Cillis; 7. Caio; 8. Garofalo; 9. Petrosino; 11. Manzalli; 14. Zeverino; 21. Pina; 27. Alemão Glaeser. Allenatore: Ezio Pellecchia

ARBITRI: Alessandro Salicchi di Terni, Luca Levis di Ravenna e Giuseppe Ponzano di Termoli (cronometrista)

MARCATORI: 3’18’’ pt Rodrigues Miani (AC) – 12’40’’ pt Sperendio (M) – 14’17’’ pt Sperendio (M) – 17’57’’ pt Rotondo (AC) – 18’28’’ st Rodrigues Miani (aut, M)

AMMONITI: 6’26’’ pt Ferreyra (M) per gioco scorretto – 12’58’’ pt Boutabouzi (M) per gioco scorretto – 15’17’’ pt Alemão Glaeser (AC) per gioco scorretto – 2’03’’ st Abraham (M) per proteste – 6’57’’ st Morais (M) per gioco scorretto – 8’55’’ st Caio (AC) per gioco scorretto – 13’36’’ st La Torre (M) per gioco scorretto – 15’18’’ st Pina (AC) per gioco scorretto

ESPULSI: 15’18’’ st Zeverino (AC) dalla panchina per proteste

NOTE: 15’29’’ pt Morais (M) para un tiro libero a Rotondo – 17’14’’ st Dibenedetto (AC) para un tiro libero a Sperendio

 

Tags: , , ,