di Vito Surico

squadra e staff tecnico con la Supercoppa (foto di Alessandro Caiati)

squadra e staff tecnico con la Supercoppa (foto di Alessandro Caiati)

E tre! L’Atletico Cassano entra di diritto nella storia del futsal pugliese mettendo a segno, al termine di una stagione straordinaria, un triplete da sogno: dopo la conquista della Coppa Italia regionale e della promozione in Serie B (con ben cinque giornate d’anticipo) i biancoazzurri conquistano la Supercoppa regionale, battendo nella finale giocata martedì 19 aprile, il Futsal Donia per 6-3.

Gara tutt’altro che semplice per i cassanesi che per tre quarti del match hanno dovuto far fronte ad una squadra caparbia e intenzionata a fare il colpaccio: ma le magie di Vera, la precisione di Sciannamblo, la freddezza di Lestingi, le parate di Genchi e Grieco e la grinta degli uomini scesi in campo hanno fatto la differenza e l’Atletico Cassano ha chiuso una stagione maiuscola con lo strameritato tris di trofei.

Walter Vera sblocca la partita su calcio di rigore (foto di Alessandro Caiati)

Walter Vera sblocca la partita su calcio di rigore (foto di Alessandro Caiati)

Veniamo alla partita: mister Mastrocesare si affida al quintetto collaudato formato da Genchi fra i pali con Sciannamblo, Barbosa, Vera e Lestingi.

L’avvio dell’Atletico Cassano è veemente: Vera fa capire subito che ha poca voglia di scherzare, semina un avversario dopo l’altro e conclude a botta sicura da dentro l’area di rigore, trovando l’opposizione di Mangano con il braccio proteso: rigore sacrosanto che lo stesso argentino insacca sotto la traversa per l’1-0.

Dopo due minuti è Barbosa in spaccata sul secondo palo a non inquadrare la porta, mentre Lestingi è poco preciso e il suo pallonetto, con Fiotta in uscita, lambisce l’incrocio dei pali.

Alla prima sortita offensiva il Futsal Donia trova il pareggio con Ortuso, bravo a deviare in maniera decisiva una conclusione senza pretese di un compagno. I sipontini galvanizzati si portano addirittura in vantaggio al 7’ ancora con Ortuso, approfittando di una difesa cassanese troppo aperta.

ancora Vera in gol: 2-2 (foto di Alessandro Caiati)

ancora Vera in gol: 2-2 (foto di Alessandro Caiati)

C’è subito la reazione dell’Atletico con una sassata centrale di Sciannamblo respinta da Fiotta e poco dopo sugli sviluppi di una punizione, Lestingi non trova il tocco risolutore sotto porta. È il preludio al pareggio che arriva ancora con Vera, ottimo il suo sinistro rasoterra da posizione centrale sul quale Fiotta è sorpreso.

Sul 2-2 la partita vive una fase di stallo, con le squadre più attente che concedono ben poco all’avversario. Al 19’ ci prova Lemonache con un tiro al volo ben assistito da Vera, ma la sua conclusione è debole. Per il Futsal Donia è Lupoli a prendere l’iniziativa in banda sinistra e ad impegnare Genchi con un destro velenoso.

Sul finire della prima frazione importante occasione per Lestingi a cui si oppone in uscita Fiotta, mentre sul capovolgimento di fronte è un ottimo Genchi a dire di no per due volte ad uno scatenato Natalino. L’ultima occasione è però per l’Atletico Cassano con un contropiede in superiorità numerica non concretizzato da Lestingi, che sbaglia la misura dell’assist per Barbosa.

All’inizio del secondo tempo occasione per il Futsal Donia con Ortuso che, libero sul secondo palo, prova la correzione ma il suo tentativo è con la mano e nell’occasione viene ammonito.

il "missile" di Sciannamblo porta l'Atletico Cassano sul 3-2 (foto di Alessandro Caiati)

il “missile” di Sciannamblo porta l’Atletico Cassano sul 3-2 (foto di Alessandro Caiati)

Risponde Vera con una delle sue azioni irresistibili in banda destra, ma la conclusione si spegne di poco a lato. Poi è Grieco, subentrato a Genchi, ad opporsi alla conclusione di Ortuso che poco dopo commette una grossa ingenuità, trattenendo Sciannamblo per la maglia e beccandosi il secondo giallo che significa doccia anticipata. Con l’uomo in più ci prova subito Lestingi, sul quale Fiotta deve superarsi, ma nulla può sul missile terra-aria di Sciannamblo che vale il 3-2 per l’Atletico Cassano.

Il Futsal Donia si dimostra una squadra caparbia e dura a morire e risponde colpo su colpo: prima è Natalino a cogliere il palo e poi a trovare il pareggio che manda in visibilio il numeroso pubblico giunto da Manfredonia.

Marco Anastasìa, autore del gol del 4-3, esulta con i compagni (foto di Alessandro Caiati)

Marco Anastasìa, autore del gol del 4-3, esulta con i compagni (foto di Alessandro Caiati)

La partita è molto bella, aperta ad ogni risultato, e in queste situazioni la differenza la fanno anche le cosiddette palle inattive: e proprio sugli sviluppi di un calcio d’angolo dalla sinistra è Anastasìa a portare sul 4-3 l’Atletico Cassano, con una conclusione chirurgica dai 12 metri.

Passano due minuti ed è Lestingi ad assestare il colpo del 5-3: azione ubriacante di Barbosa e conclusione potente che Fiotta respinge sui piedi del capocannoniere biancazzurro che da due passi insacca il più facile dei tap-in.

Il match potrebbe chiuderlo definitivamente ancora Lestingi che questa volta è sfortunato e coglie il palo e subito dopo l’occasione per riaprire la contesa è per il Futsal Donia con il tiro libero accordato: ma Grieco in spaccata disinnesca il tentativo.

Negli ultimi minuti di gioco ci provano Lestingi e Anastasìa senza il guizzo decisivo, mentre dall’altra parte la botta di Lupoli scheggia la traversa. Neanche l’inserimento di Orbelli come portiere di movimento permette al Futsal Donia di accorciare le distanze anzi, in pieno recupero è Vera a rubare palla e a sigillare la sua prestazione perfetta con la tripletta che vale il definitivo 6-3 e consegna all’Atletico Cassano lo storico “triplete”.

LA VOCE DEI PROTAGONISTI

festa per i giocatori dell'Atletico Cassano: con la Supercoppa è triplete! (foto di Alessandro Caiati)

festa per i giocatori dell’Atletico Cassano: con la Supercoppa è triplete! (foto di Alessandro Caiati)

Fabio Genchi: «è stata una partita non facile per merito di un avversario ben messo in campo che ha concesso pochi spazi, ma alla lunga il maggior tasso tecnico del nostro roster è emerso, consentendoci di raggiungere il terzo obiettivo stagionale. È stato un piacere, oltre che un onore, poter far parte di questo grande gruppo, formato da seri professionisti e giocatori di alto livello. Forza Atletico Cassano!».

Andrea Lestingi: «la partita si è dimostrata insidiosa per più fattori: dalla mancanza di partite “vere” da due mesi a questa parte al buon livello del Futsal Donia. Con la nostra esperienza e l’abnegazione abbiamo tuttavia raggiunto meritatamente il risultato prefissato. La stagione è stata sicuramente esaltante, abbiamo portato a casa tutti gli obiettivi posti e richiesti dalla società, per questo non possiamo che ritenerci soddisfatti. L’unico rammarico rimane la Coppa Italia nazionale, capitata nel nostro momento peggiore. Un neo che, comunque, non cancella una stagione straordinaria!».

Gianni Bellantuono: «partita ostica, come sempre quando incontri una squadra di categoria inferiore, e perciò più motivata e con niente da perdere. Aggiungiamoci anche che erano molto validi. È stata una finale degna di tale nome, molto bella. La nostra è stata una vittoria di carattere, di pancia, e senza dubbio meritata. Il triplete è la logica conseguenza del valore tecnico della squadra, dei sacrifici della società, del sudore e delle bestemmie in allenamento. Sacrosanto e meritato: abbiamo dimostrato di essere i più forti. È stata, insomma, una stagione esaltante. L’eredità più bella è fatta dai rapporti che si sono creati tra noi. Ragazzi straordinari, tutti, dagli affamati di focaccia agli assetati di birra. Auguro a chiunque di divertirsi in un ambiente del genere».

Walter Vera: «finale dura, tosta perché era da un bel po’ che non si giocava una partita “seria”. Il Futsal Donia è una buona squadra, preparata in tutti i sensi. Parlando con il loro presidente, ho scoperto che ci sono giocatori che hanno militato anche in Serie B e in A2 e che hanno dovuto lasciare le categorie superiori per motivi di lavoro. Quindi non resta che fare i complimenti a tutti noi, alla società, a mister Mastrocesare, a mister Totaro, al preparatore Quadrelli ma soprattutto al gruppo. È stato un bell’anno, macchiato dall’eliminazione dalla Coppa Italia nazionale, ma sono contento per tutto e per tutti. Forza Atletico Cassano!».

Ermanno Volarig: «è stata una partita difficile, come tutte le partite secche non si sa mai cosa può accadere. Abbiamo giocato contro una squadra che non merita la C2 e avrebbe dato filo da torcere a molte squadre di C1. Siamo tutti contenti di aver raggiunto gli obiettivi prefissati. È stata una stagione indimenticabile. Sono contento per la dirigenza, che dopo anni di duri sacrifici ha finalmente portato Cassano in Serie B! Inoltre, sono onorato di aver giocato con un gruppo di professionisti da cui ho imparato davvero tanto».

Marco Anastasìa: «una finale è sempre una gara diversa dalle altre qualsiasi avversario incontri. E il Futsal Donia ha dimostrato di essere di una categoria superiore alla C2 mettendoci in seria difficoltà. Siamo soddisfatti di aver portato a casa tutti gli obiettivi prefissati dalla società che merita categorie superiori. Personalmente, sono onorato di aver fatto parte di questo gruppo composto prima di tutto da uomini, di aver conosciuto persone fantastiche e grandissimi giocatori».

Onofrio Lemonache: «in questa finale, contro una squadra di spessore, abbiamo dimostrato di essere una squadra vincente, siamo stati molto bravi a trovare la concentrazione giusta dopo aver vinto il campionato con largo anticipo. Vorrei fare i complimenti per questo triplete a tutti i componenti della squadra, staff tecnico e dirigenza. E un grazie a tutti i tifosi. Forza Atletico Cassano!».

Fabrizio Sciannamblo: «sapevamo che non sarebbe stata una passeggiata, nonostante la categoria inferiore del Futsal Donia… ma, con tutto rispetto, se fosse stata nel nostro girone, avrebbe conquistato un posto ai play-off. Ovviamente siamo stati bravi a dimostrare il nostro valore, senza subire mai cali di concentrazione come altre volte è successo. Abbiamo ottenuto con merito tutti gli obiettivi prefissati a inizio stagione… Ringrazio il gruppo, lo staff e la società tutta».

Claudio Barbosa: gara particolare per lui. Al termine della partita, infatti, il brasiliano ha saputo della prematura scomparsa del padre in Brasile. «A Cassano – ha dichiarato il brasiliano a paganosport.itc’è un gruppo di uomini che lotta in tutte le partite dall’inizio fino all’ultimo minuto. C’è poco da dire, la stagione è stata meravigliosa e tutte le componenti hanno fatto la differenza: società, staff tecnico e giocatori. Abbiamo lavorato molto per conquistare il triplete, ogni successo ci portava a lavorare per raggiungere il successivo traguardo. Per me è stata una stagione perfetta. Dedico i trofei a mia moglie che è sempre presente, al mio procuratore, alla mia famiglia che da lontano non mi fa mai mancare l’affetto, a tutta la squadra e a una persona speciale che ho perso… questa vittoria è per te, papà!».

I TABELLINI

ATLETICO CASSANO – FUTSAL DONIA 6-3 (p.t. 2-2)

ATLETICO CASSANO: Genchi, Vinciguerra, Belviso, Vera, Volarig, Lestingi, Anastasìa, Lemonache, Sciannamblo, Grieco, Barbosa, Bellantuono. Allenatore: Angelo Mastrocesare

FUTSAL DONIA: Fiotta, Rotice, Mangano, Natalino, Castriotta, Ortuso, Orbelli, Rignanese, Lupoli, Accarrino, Cotrufo, D’Errico. Allenatore: Martino Portovenere

RETI: Vera (AC), Ortuso (FD), Ortuso (FD), Vera (AC), Sciannamblo (AC), Natalino (FD), Anastasìa (AC), Lestingi (AC), Vera (AC)

ARBITRI: Domenico Delcuratolo e Antonio Schirone della sezione di Barletta

 

Tags: , ,