Con riferimento alla avvenuta pubblicazione dell’A.D. n. 781/2017, per cui ciascun candidato con il proprio codice pratica potrà consultare l’esito della istruttoria amministrativa per l’ammissibilità della propria candidatura, si precisa quanto segue.

L’approvazione dell’A.D. n. 781/2017 è stata preliminare all’insediamento delle sei Commissioni di valutazione delle candidature, ed attiene esclusivamente alla fase di istruttoria amministrativa della domanda, per la verifica di completezza e di possesso dei requisiti minimi di ammissibilità, con riferimento ad esempio alle dichiarazioni obbligatorie e vincolanti ovvero al possesso dei titoli di studio minimi per l’accesso alla selezione per codice di profilo.

Ciò detto, i candidati che in questa fase hanno ricevuto un esito di ammissibilità non hanno ancora titolo ad accedere alla fase del colloquio o prova orale, bensì dovranno attendere, come peraltro dettagliatamente precisato nello stesso Avviso pubblico, che le Commissioni provvedano alla valutazione dei CV di tutti i candidati per la determinazione del punteggio di valutazione dei titoli di studio ed esponenziali, al fine di determinare la graduatoria di coloro che saranno effettivamente ammessi ai colloqui e che, lo ricordiamo, ai sensi dell’Art. 5 comma 4 dell’Avviso pubblico approvato con A.D. n. 544/2017

«Al colloquio accedono tutti i candidati che abbiano conseguito almeno 18 p. sul totale dei 35 p. conseguibili per la valutazione dei titoli. Laddove il numero di candidati ammessi al colloquio per ciascun profilo fosse inferiore a 4 volte il numero dei posti disponibili per ciascun territorio provinciale, la Commissione provvede ad ammettere anche i candidati con punteggio inferiore a 18 p, seguendo l’ordine decrescente fino al raggiungimento del numero richiesto di candidati da ammettere al colloquio».

Fonte: Ufficio Stampa Regione Puglia – Sistema Puglia, Politiche per lo Sviluppo, Avviso Pon Inclusione – RED – Redazione Sistema Puglia