La Puglia sta puntando sui turisti stranieri ai quali può offrire non solo il mare, ma un’esperienza autentica nel campo della natura, cultura e gusto. Passata la fase di punta di ferragosto, un primo bilancio dell’estate conferma che la strategia è giusta. Collocandosi fra le destinazioni che, oltre al mare, offrono anche cultura ed eventi la Puglia, stando alle prime anticipazioni raccolte dal Sole 24 Ore, risulta al secondo posto tra le Regioni italiane dopo la Sicilia e insieme alla Sardegna, con un più 5%.

“Merito dell’appeal che la Puglia esercita nei confronti dei turisti stranieri – osserva l’assessore al turismo, Silvia Godelli – si tratta di una tendenza che di anno in anno si fa più corposa e che ci ha permesso di compensare il calo della domanda interna, colpita dalla crisi nell’intero Paese. La Puglia complessivamente sta reggendo, e avanza per quanto concerne gli arrivi dall’estero, consentendo a tutti, compresi gli operatori, di attraversare questa fase difficile guardando ottimisticamente al futuro.”

Il trend positivo è confermato da Aeroporti di Puglia, che in agosto ha registrato un interessante aumento dei passeggeri internazionali.

L’appeal della Puglia è attestato indirettamente anche da Trenitalia, che ha registrato i maggiori flussi di viaggiatori lungo la costa Adriatica verso la Puglia e la Calabria, mentre il motore di ricerca hotel Trivago ha registrato il tutto esaurito a ferragosto nelle località di mare pugliesi, con Valle d’Itria, Salento e Gargano a farla da padroni.

Giuste quindi le previsioni fatte per la Puglia dal Touring Club e da altre società di ricerca che prevedevano una sostanziale tenuta del turismo in Puglia. Anche guardando i dati in possesso di Pugliapromozione, l’Agenzia Regionale del Turismo, su 1450 strutture ricettive (30% dell’universo) che hanno comunicato i dati Luglio, si registra un – 0,61 % di arrivi.

“Non si tratta di un campione statisticamente rappresentativo, ma di una “prima proiezione” – commenta il direttore generale di Pugliapromozione, Giancarlo Piccirillo – Dunque sicuramente una tendenza generale si può ricavare, e si può dire che ci si può ragionevolmente attendere una sostanziale tenuta della Puglia rispetto ai dati del 2012. Che in tempi di crisi non è poco”.

Per leggere meglio il dato “statistico”, ancora parziale e suscettibile di aumentare o diminuire, bisogna ricordare che questo seppur lieve calo si riferisce ai flussi ufficiali, mentre anche l’indagine di CRA ha verificato la tendenza prevalente in Puglia a utilizzare case in affitto o forme di ospitalità più economiche che sfuggono alle statistiche ufficiali. Una conferma arriva anche da Subito.it che ha stilato la classifica che riguarda le case vacanze: nei mesi che precedono la partenza per le ferie meta in assoluto più cliccata dagli italiani è stata la Puglia, seguita da Sardegna al secondo posto e Sicilia al terzo.

Anche la stampa internazionale conferma lo straordinario favore cui va incontro in questa fase il nostro territorio. Puglia, Where leaving is easy: questo il titolo di un lungo articolo corredato di bellissime foto, apparso, a firma del giornalista John Henderson sul Tampa Bay Times, pubblicazione della Florida che descrive la Puglia come una terra di una bellezza scintillante, dove si può passeggiare lentamente e gustare pietanze semplici, eppure prelibate. Anche gli Americani , dopo Giapponesi, Tedeschi e Spagnoli, Russi, Inglesi e Francesi, scoprono e si appassionano sempre di più alla Puglia, tanto da dedicarle lunghi articoli su importanti testate, come lo stesso New York Times che ha elogiato la bellezza di viaggiare in Puglia anche di inverno, grazie alla campagna e alle masserie, veramente uniche.

Fonte: Ufficio Stampa Regione Puglia – Sistema Puglia, Economia, Imprese, Territorio – Redazione Sistema Puglia