Gli operatori biologici certificati in Italia sono 49.709 con una maggioranza di produttori agricoli, con numeri interessanti anche di preparatori, imprese di commercializzazione e importatori, che completano la filiera delle produzioni biologiche.

Rispetto ai dati riferiti allo scorso anno si rileva un aumento complessivo del numero di operatori del 3%.

La superficie coltivata secondo il metodo biologico, risulta pari a 1.167.362 ettari, con un aumento complessivo, rispetto all’anno precedente, del 6,4%.

Sono alcuni dei dati diffusi dal SINAB, il Sistema di Informazione Nazionale sull’Agricoltura Biologica realizzato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali in collaborazione con le Regioni.

Sicilia e Calabria sono le regioni con maggiore presenza di aziende agricole biologiche, mentre per il numero di aziende di trasformazione impegnate nel settore al primo posto l’Emilia Romagna, seguita da Lombardia e Veneto.

“Sono numeri interessanti – ha commentato il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali De Girolamo – che dimostrano che il clima di fiducia da parte dei consumatori per questo tipo di produzioni è sempre molto alto e che ci consentono di mantenere la leadership in Europa per questo tipo di produzioni. Il Ministero è fortemente impegnato per mantenere sempre molto alto il livello di controllo a garanzia del settore e grandi risultati li stiamo ottenendo grazie ad una informatizzazione nella gestione dei dati di settore, che consente la massima trasparenza per tutti i soggetti impegnati nell’attività di controllo e vigilanza, ed una particolare attenzione la stiamo ponendo, anche grazie all’impegno dell’Agenzia delle Dogane, per vigilare sull’ingresso dei prodotti biologici importati da Paesi terzi”.

Fonte: Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali – Imprese, Sistema Puglia – Redazione Sistema Puglia