di Vito Surico

si è concluso senza la sindaca Di Medio il Consiglio Comunale di ieri

All’1:31 di questa notte il Consiglio Comunale ha terminato i lavori: dopo un’estenuante maratona lunga circa dieci ore sono stati approvati debiti fuori bilancio (tutti a maggioranza con l’astensione dei gruppi di minoranza) il piano per il diritto allo studio e le variazioni al bilancio di previsione 2017-2019 per il Documento Unico di Programmazione.

Partiamo proprio dall’analisi di questo punto, il quarto all’ordine del giorno, discusso in tarda serata, che, ha affermato l’assessora al bilancio Annamaria Caprio, apporta variazioni «per sopraggiunte necessità dell’amministrazione». Modifiche che, secondo l’assessora, «non hanno niente di politico poiché, stando a quanto ci chiede il Ministero, non dobbiamo dare il dettaglio, ma variazioni di natura tecnica per far fronte alle necessità degli uffici. Questo non è il nostro DUP – ha concluso la Caprio – ma quello che ci siamo ritrovati. È completamente diverso da quello che faremo noi».

un intervento del capogruppo di PrimaVera Cassano, Teodoro Santorsola

L’assenza di una relazione dettagliata in merito alle modifiche, però, ha sollevato numerose obiezioni dai tre gruppi di opposizione: per il consiglieri di SìAMO Cassano, Ignazio Zullo, «c’è uno spostamento di numeri senza che si capiscano quali sono i vostri obiettivi. Anzi, i tagli la dicono lunga sulla vostra amministrazione: cultura, attività di sensibilizzazione ambientale e agricoltura vengono penalizzate»; «come per l’assestamento di luglio – ha aggiunto Davide Del Re, Più Cassano – ci aspettavamo una relazione dettagliata. Da questo documento che ci presentate oggi non si evincono i vostri programmi: appostate 147mila euro per le manutenzioni, c’è l’idea di un nuovo project financing per la pubblica amministrazione, 200mila euro per la pseudo-Circonvallazione da via Pellerano, 65mila euro per acquistare una nuova spazzatrice per il centro storico. E entrate stratosferiche: oltre 800mila euro in soli quattro mesi. Ma quali sono i vostri programmi? Manca un’ossatura, una struttura, trasparenza, condivisione e partecipazione. Leggo solo opere che ho lasciato»; «di una relazione avremmo beneficiato tutti – ha chiosato il capogruppo di PrimaVera Cassano, Teodoro Santorsola – dai numeri si evincono entrate eccezionali ma le scelte politiche sono chiare dagli spostamenti, seppure minimi, da capitolo a capitolo: spostate 1000 euro dalla promozione dello sport alle sagre, 2000 euro in più per le spese sul randagismo, acquistate una spazzatrice per il centro storico, ma non dovrebbe già farlo la ditta? Una variazione di bilancio così corposa non può essere il frutto di soli tre mesi. In questo documento manca un’armonica programmazione. È una lacuna politica. È sordo rispetto alle sollecitazioni positive della minoranza e alle nostre istanze. I soldi in entrata, frutto di tassazione per i cittadini, potevano essere usati meglio. Non c’è una visione prospettica positiva per il rilancio della città».

un intervento dell’assessora al bilancio Annamaria Caprio

L’assessora Caprio ha risposto che «non ci sono tagli, ma solo variazioni da capitolo a capitolo frutto di scelte condivise in maggioranza. La scelta politica, in questa fase, è tuttavia marginale». Briano ha aggiunto che l’acquisto della spazzatrice era nelle linee programmatiche mentre il capogruppo di X Te Pasquale Campanale ha annunciato il voto positivo del gruppo di maggioranza affermando che «è frutto di quanto abbiamo detto in campagna elettorale».

Dieci voti favorevoli (assente la sindaca Di Medio e il consigliere Cavalluzzi) e quattro contrari (assente la sola Catucci per le minoranze) hanno dato il via libera al documento.

Voto unanime, invece, per l’approvazione del Piano per il Diritto allo Studio illustrato dalla presidente della seconda commissione consiliare permanente Francesca Marsico: un programma che presta attenzione all’inclusione e alla lotta alla dispersione scolastica, dà sostegno alle famiglie in difficoltà, prevede l’adeguamento delle strutture scolastiche, una nuova gara per l’affidamento del servizio di mensa scolastica e trasporto scolastico da gennaio (modulati in base all’ISEE).

la presidente della seconda commissione consiliare permanente, Francesca Marsico, illustra il Piano per il Diritto allo Studio

un intervento del capogrupop di Più Cassano, Davide Del Re

Il consigliere Del Re ha evidenziato la continuità con l’amministrazione Lionetti, mentre Zullo e Santorsola hanno chiesto attenzione per quanto riguarda i fondi per l’IISS Leonardo da Vinci (è provinciale, dovrebbe richiederli alla Città Metropolitana) e per l’evasione che si registra nel servizio di trasporto.

Ad ogni modo, hanno votato il provvedimento in maniera favorevole.

Il pomo della discordia del Consiglio Comunale di ieri, però, sono state le interpellanze e interrogazioni poste al primo punto all’Ordine del Giorno: una discussione durata circa sette ore a causa dell’elevato numero di interpellanze ma anche perché i consiglieri si sono letteralmente “persi” in una discussione di merito sul metodo da seguire.

Alla fine, la sindaca Di Medio ha dato risposta a tutte le interpellanze presentate negli ultimi mesi da SìAMO Cassano (diciassette per l’esattezza).

i consiglieri del gruppo SìAMO Cassano, Ignazio Zullo e Linda Catucci

Poi spazio alle nuove presentate da Più Cassano (Del Re ha chiesto il ritiro di due delibere di Giunta che sarebbero illegittime, chiarimenti in merito alla vicenda del pino secolare abbattuto in piazza Dante e sul randagismo in contrada Lagogemolo) e PrimaVera Cassano che ha portato in Consiglio le istanze dei cittadini raccolte durante l’incontro pubblico (sporcizia di marciapiede e strade dovuta alle deiezioni canine, pericolosità dell’incrocio di via Adlefia) e ha sollevato, con il consigliere Venezia, la questione dei campi elettromagnetici dovuti alle antenne presenti sul nostro territorio, e con il consigliere Santorsola quella del pino abbattuto in piazza Dante e di un polo per l’infanzia nel nostro Comune come aveva già fatto il Partito Democratico (parte integrante di PrimaVera Cassano) con un comunicato stampa.

Prima di entrare nel vivo del Consiglio Comunale, in fase di preliminari, ha depositato una richiesta di censura (che verrà inoltrata anche al Prefetto) del comportamento di sindaco e assessori sui tempi delle risposte alle interpellanze, quando queste risposte arrivano.

Esordio da ricordare, infine, per il nuovo segretario generale del Comune di Cassano delle Murge, dott. Nicola Sorgente: non è da tutti resistere a un Consiglio così lungo.

 

Tags: , , , , , , , , , , ,