Nota del consigliere regionale di Liberi e Uguali, Cosimo Borraccino:

“Stop alle gare d’appalto per l’affidamento a privati dei servizi in Sanità. E’ questa l’indicazione data con chiarezza dal Consiglio di Stato che, con una importante sentenza del 12 marzo scorso (numero 1571/2018), ha annullato tutti gli atti relativi ad una procedura ad evidenza pubblica bandita da una ASL di Roma per l’affidamento di una serie di servizi ausiliari in ambito sanitario.

Il Consiglio di Stato ha chiarito che allorquando l’amministrazione sanitaria abbia sostanzialmente bisogno solo di personale per lo per lo svolgimento delle sue attività istituzionali, non si può ricorrere all’appalto di servizi come ampiamente fatto anche in Puglia, ma si deve necessariamente provvedere con personale interno o, in alternativa, con personale in somministrazione, onde evitare di violare le norme nazionali e comunitarie in materia di tutela della concorrenza.

Questa importante e autorevole decisione rafforza la nostra battaglia per ottenere quanto prima l’internalizzazione di tutto il personale che svolge mansioni indispensabili per il funzionamento di tutto il servizio sanitario regionale, negli ospedali e nelle altre strutture sanitarie, evitando qualunque ipotesi di esternalizzazione e di ricorso ai privati, pratica questa che oltre a presentare profili di illegittimità, determina un enorme ed inutile spreco di risorse finanziarie.

Per questo noi di Liberi e Uguali ci dichiariamo al fianco dei lavoratori della Sanità che vivono condizioni di incertezza sul loro futuro, e continueremo a chiedere con forza la loro internalizzazione e stabilizzazione”.

Fonte: Consiglio Regionale Puglia