pugliaNei primi sei mesi del 2015 in Puglia il saldo tra i nuovi rapporti di lavoro e quelli cessati segna un più 115mila, è il dato di saldo più alto dal 2012. A fronte dei 415.774 rapporti di lavoro cessati, infatti, le nuove assunzioni nel primo semestre 2015 sono pari a 531.283, l’1,5% in più rispetto al semestre gennaio-giugno del 2014, quando i nuovi rapporti di lavoro erano pari a 523.249. Sono questi alcuni dei dati dell’ultimo report parziale dell’Osservatorio del Mercato del Lavoro della Regione Puglia, che analizza i dati di natura amministrativa contenuti nelle comunicazioni obbligatorie.

“I dati dell’Osservatorio del Mercato del Lavoro della Regione Puglia confermano il trend positivo comunicato, non più di due giorni fa, dall’ISTAT – ha detto Sebastiano Leo, assessore al Lavoro -Crescono i rapporti di lavoro avviati, restano più o meno stabilii rapporti di lavoro cessati, e questa differenza ci consegna il quadro di un mercato del lavoro pugliese che pare riacquistare dinamicità, in un contesto regionale dove si continua ad investire in politiche di sostegno all’occupazione e in politiche formative orientate a soddisfare le esigenze, sempre più specifiche, del sistema d’impresa.

L’Osservatorio Regionale – ha concluso Leo – continuerà a monitorare il mercato del lavoro sulla base dei dati delle comunicazioni amministrative, per capire quali sono i settori e le professioni che presentano i dati più significativi e quelli che continuano a soffrire gli effetti della crisi, così scorgere i mutamenti ed elaborare politiche per il lavoro capaci di rispondere alle esigenze della domanda e dell’offerta di occupazione”.

Fonte: Ufficio Stampa Regione Puglia – Lavoro, Area Politiche per lo Sviluppo, Sistema Puglia – Redazione Sistema Puglia