decreto-faredi Studio Arganese&Partners

Chiesta la fiducia sul Decreto Fare, blindato rispetto agli oltre 900 emendamenti presentati in aula a Montecitorio sul testo approvato dalle Commissioni (già denso di modifiche rispetto al Dl del Governo). Obiettivo, approvazione certa entro il 20 agosto.

Ecco le modifiche più rilevanti: Wi-Fi libero come anticipate da PMI.it, incentivi ridotti per la Banda Larga, più accesso al credito e saldo debiti PA, novità su DURC e Spesometro, introduzione DURT.

Wi-Fi e Banda Larga

È una delle ultimissime modifiche apportate in commissione Bilancio all’articolo 10 del DL, da cui sparisce l’obbligo di tracciare il collegamento: esercenti e pubbliche amministrazione possono offrire accesso wireless senza complessi adempimenti tecnici di registrazione, rendendo il Wi-Fi libero con in gran parte del mondo.

Sempre in tema di Agenda Digitale c’è invece un’amara sorpresa: tagliati i fondi per la Banda Larga, ridotti di ben 20 milioni di euro (da 150 a 130). Sempre più lontano l’obiettivo di colmare il Digital Divide entro il 2014 come previsto dall’Agenda Digitale.

Accesso al credito

Il Dl prevede interventi per migliorare le condizioni di accesso al Fondo di Garanzia PMI, esteso ai professionisti iscritti agli ordini professionali e a quelli aderenti alle associazioni professionali iscritte nell’elenco tenuto dal ministero dello Sviluppo Economico ai sensi della legge 4/2013, e in possesso della relativa attestazione. Sarà un decreto del ministero dello Sviluppo Economico a stabilire le modalità di attuazione.

L’accesso a contributi per acquisto di macchinari, anche in leasing finanziario è esteso alle micro imprese (prima il testo parlava solo di PMI) e all’acquisto di beni strumentali all’attività di impresa.

Debiti PA

Previste misure urgenti per accelerare i pagamenti alle imprese da parte degli enti del Servizio Sanitario Nazionale.

DURC e DURT

La validità del DURC (Documento Unico di regolarità Contributiva) scende a 120 giorni rispetto ai 180 giorni previsti dal testo del decreto (attuale validità, 90 giorni).

Arriva poi il DURT (Documento unico di regolarità tributaria), che esonera l’appaltatore dalla responsabilità solidale ma introduce un nuovo obbligo per il subappaltatore.

Giustizia imprese

La mediazione civile torna obbligatoria con emendamenti che impongono di rivolgersi a un avvocato, senza onorario se in sede di prima riunione conciliatoria non si trova l’accordo.

Spesometro

Dal gennaio 2015 la comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA diventa quotidiana, per via telematica: si tratta di una semplificazione per professionisti e imprese che sceglieranno questa forma.

 

Tags: