l’opera di Angelo Cortese installata in piazza Moro

Il “museo a cielo aperto”, nato da “Arte urbana mutamenti”, l’iniziativa del Comune di Cassano delle Murge, curata da Massimo Nardi in collaborazione con l’Associazione Culturale ARCI “Stand By”, si arricchisce di ulteriori due opere.

Sono state installate nei giorni scorsi, infatti, una composizione in ferro realizzata dall’artista cassanese, residente a Roma da anni, Angelo Cortese che ha omaggiato il suo paese natale con la riproduzione di due simboli della leggenda del nostro paese (il Pellicano e la testa del dio Giano bifronte, dal cui nome, per anni, si è erroneamente creduto che derivasse il toponimo di Cassano, tanto da indurre le amministrazioni comunali a denominare il centro storico “Borgo di Giano”), e una fotografia, in via San Giuseppe, del fotografo milanese Maurizio Gabbana che ha immortalato uno scorcio del centro storico di Bari con la statua di San Nicola che campeggia nella zona della Cattedrale.

Le opere sono state donate dagli artisti al Comune di Cassano delle Murge diventando, così, “proprietà” di tutti i cassanesi.

“Arte urbana mutamenti”, con la creazione del “museo a cielo aperto” è, dicono gli organizzatori, «una sfida in cui l’arte e la bellezza combattono il degrado e l’indifferenza del cuore di Cassano, il borgo antico scrigno di storia ed arte territoriale, sempre più vittima di atti vandalici e abbandono».

la fotografia di Maurizio Gabbana in via San Giuseppe

 

Tags: , , ,