(foto Murgia Enjoy)

(foto Murgia Enjoy)

Riceviamo e pubblichiamo questa segnalazione di emergenza rifiuti presente a confine con il territorio cassanese, certamente di competenza di altro comune,come dice il presidente di Murgia Enjoy, ma deleteria anche per l’immagine del nostro territorio, poiché a ridosso del principale polmone verde cassanese e non solo: la foresta Mercadante.

di Leonardo Losito

A pochi passi dalla Foresta di Mercadante, importante “polmone verde” nel risicato patrimonio boschivo barese, che attira visitatori, trekkers, bikers e amanti dell’ambiente, si assiste oramai da tempo a scene che alcuni residenti nel complesso “Quadrifoglio” ed alcuni visitatori hanno più volte denunciato (anche ad Associazioni ambientaliste) senza ottenere esito.

Gli stessi hanno recentemente inviato delle segnalazioni all’Associazione “Murgia Enjoy” che si occupa di valorizzazione, tutela e salvaguardia del territorio e che non può esimersi, verificata la veridicità di quanto denunciato, dall’evidenziare la necessità che tale situazione venga risolta a vantaggio di tutti.

Nelle segnalazioni purtroppo si comprende la rabbia di tali cittadini che si ritengono “di serie B” e che a gran voce lamentano un grave disservizio pur versando regolarmente quanto di loro spettanza per il servizio di raccolta dei rifiuti oltre alla delusione dello scarso interesse delle Associazioni ambientaliste.

La zona in cui giornalmente si assiste a tale spettacolo è a confine fra il territorio di Cassano e quello di Grumo che è responsabile della raccolta dei rifiuti, ma tale situazione sembra proporsi anche in prossimità del villaggio “S. Antonio” ed in Mellitto.

Agli occhi dei visitatori però tale confine spesso non è conosciuto e la situazione, che rappresentare una pessima accoglienza per chi accede in foresta, rischia di essere addebitata ad uno scarso interesse dell’amministrazione comunale di Cassano.

A dir dei residenti nel villaggio “Quadrifoglio”, la raccolta non avviene giornalmente ed addirittura la scorsa settimana il furgone compattatore è giunto in zona già pieno ed ha potuto ritirare i rifiuti di un solo cassonetto.

Tali cassonetti inoltre presentano la pedaliera guasta e sono perennemente aperti alla mercé di cani randagi che distribuiscono i rifiuti nelle campagne vicine oramai diventate discariche a cielo aperto.

Da qualche tempo, poi, anche la campana per la raccolta del vetro è stata eliminata non permettendo alcuna sorta di differenziazione dei rifiuti.

C’è da evidenziare comunque che, dall’entrata in vigore della raccolta differenziata a Cassano, sembra che alcuni residenti nel territorio cassanese preferiscano raggiungere questi cassonetti per conferire i loro rifiuti evitando di differenziarli.

Le foto allegate non si riferiscono a periodi successivi a giornate di forte affluenza nella foresta, né tanto meno ai periodi estivi in cui il numero dei residenti nel complesso residenziale è sicuramente maggiore e questo lascia intuire quanto maggiore diventi la problematica in tali periodi.

La presente viene inoltrata agli enti ed alle testate giornalistiche dei paesi interessati a supporto di quanto vivono giornalmente i residenti della zona citata e nella speranza che chi di dovere possa quanto prima risparmiare tale spettacolo anche ai visitatori che decidono di dedicarsi momenti in foresta a contatto con la natura e l’ambiente.

AGGIORNAMENTO

In data 3 novembre 2015, il presidente di Murgia Enjoy, Leonardo Losito, ci ha inviato la seguente nota.

Al fine di una corretta informazione per i lettori, Murgia Enjoy precisa che il Sindaco del Comune di Grumo, Michele D’Atri, a seguito della segnalazione effettuata, ha fatto eseguire un sopralluogo da un dipendente comunale e da un responsabile della ditta incaricata per la raccolta dei rifiuti nella zona antistante il residence “Quadrifoglio”. Vista la mole dei rifiuti, resta certa, ma non dimostrabile, la provenienza di parte del carico dei rifiuti da parte di cittadini cassanesi che sono restii ad adeguarsi al nuovo sistema di raccolta e preferiscono praticare “il lancio del sacchetto” in questa area poco frequentata. Il Sindaco ha dichiarato che in aree comunali interne ai villaggi “Quadrifoglio” e “Sant’Antonio” saranno create delle aree ecologiche per il conferimento differenziato dei rifiuti a servizio esclusivo dei residenti dei complessi residenziali. Murgia Enjoy, Associazione impegnata nella valorizzazione del territorio, e che ha interesse a ché episodi simili non diventino deleteri per l’immagine del nostro territorio, ringrazia il Sindaco D’atri per questo lodevole impegno che porrà certamente fine (si spera in tempi brevissimi) ad uno spettacolo non più accettabile, quanti hanno effettuato la segnalazione ed i mass media, sensibili alla problematica, che hanno dedicato spazio e tempo.

 

Tags: , ,