Ieri 17 luglio è entrato in vigore il cosiddetto pacchetto CRD IV, che – con un regolamento e una direttiva – recepisce nel diritto dell’UE i nuovi standard globali sul capitale delle banche, l’accordo Basilea III.

Le nuove norme, in vigore dal 1° gennaio 2014, affrontano alcuni dei punti deboli delle istituzioni bancarie emersi durante la crisi, in particolare l’insufficienza del capitale, dal punto di vista sia quantitativo che qualitativo, che ha reso necessario un sostegno senza precedenti da parte delle autorità nazionali.

Le disposizioni introducono requisiti prudenziali più rigorosi, imponendo alle banche di mantenere riserve di capitale e di liquidità sufficienti. Questo nuovo quadro normativo renderà le banche dell’UE più solide e rafforzerà la loro capacità di gestire adeguatamente i rischi legati alla loro attività e di assorbire eventuali perdite.

Consulta il MEMO/13/679 sull’unione bancaria.

Fonte: Commissione Europea – Sistema Puglia, Economia, Sportello Europa – Redazione Sistema Puglia