di Vito Surico

il sindaco Vito Lionetti (foto di Annarita Mastroserio)

il sindaco Vito Lionetti (foto di Annarita Mastroserio)

“Legalità, sicurezza e territorio”: questi gli argomenti trattati durante l’incontro tenutosi ieri sera, venerdì 25 luglio, in piazza Moro, e fortemente voluto dal sindaco Vito Lionetti e dal locale Comando del Carabinieri.

Un incontro nato dalla necessità di affrontare con la cittadinanza il problema dei furti in appartamento, di cui sempre più spesso si è sentito parlare nelle ultime settimane, ma più in generale del mantenimento dell’ordine pubblico in paese: «le forze dell’ordine sono sempre presenti sul territorio e ci proteggono in maniera efficace», ha detto il primo cittadino, «e la tutela della sicurezza resta una delle prerogative del sindaco. Ma da soli possiamo fare poco: è importante adottare delle regole di prevenzione e soprattutto serve la coscienza individuale di tutti i cittadini per far sì che questi episodi non avvengano più».

In tema di prevenzione è stato distribuito ai presenti un vademecum a cura dei Carabinieri: “l’esigenza di fornire dei consigli per fronteggiare l’eventualità di furti in abitazione”, si legge nell’introduzione ai consigli, “nasce dall’acquisizione di un sensibile aumento della commissione di questo genere di reati nel comune di Cassano delle Murge”. Il vademecum è presente sul sito internet dell’arma.

Ma la prevenzione, ha ricordato il sindaco Lionetti, passa anche da «una rete sociale efficace che spinga ogni singolo cittadino a mantenere comportamenti legali in tutti gli ambiti della quotidianità: dall’abbandono indiscriminato dei rifiuti, agli episodi di bullismo e vandalismo».

La comunità deve, insomma, educare alla legalità.

da sinistra: Giuliana Luiso del presidio Libera Cassano "Gaetano Marchitelli", Alessandro Giustino dell'associazione "Pubblica Assistenza di Cassano delle Murge Onlus", Vito Lionetti, Michele Emiliano e Giovani Manzari della Polizia Municipale di Cassano delle Murge (foto di Annarita Mastroserio)

da sinistra: Giuliana Luiso del presidio Libera Cassano “Gaetano Marchitelli”, Alessandro Giustino dell’associazione “Pubblica Assistenza di Cassano delle Murge Onlus”, Vito Lionetti, Michele Emiliano e Francesco Manzari della Polizia Municipale di Cassano delle Murge (foto di Annarita Mastroserio)

E in rappresentanza dei cittadini che si impegnano per mantenere l’ordine pubblico e la sicurezza sul territorio o anche solo per sensibilizzare i cassanesi alla tutela dello stesso e contro ogni forma di malvivenza sono intervenuti Giuliana Luiso, in rappresentanza del presidio di Libera di Cassano delle Murge, dedicato a Gaetano Marchitelli (giovane barese, vittima innocente di mafia), e Alessandro Giustino, presidente dell’associazione di protezione civile “Pubblica Assistenza di Cassano delle Murge Onlus”.

I volontari cassanesi hanno portato in piazza le proprie esperienze sui temi della legalità e della sicurezza sul territorio: Giuliana Luiso ha parlato di quello che ha fatto Libera nei campi confiscati alla camorra a Sessa Arunca, in provincia di Caserta, ma anche in altre parti d’Italia e come i ragazzi del presidio cerchino di riportare qui le esperienze vissute cercando di diffondere i temi della legalità anche con manifestazioni che sensibilizzino l’intera comunità (prossimo appuntamento il 27 agosto con COOLTURALMENTE). L’invito ai concittadini è quello di «dare il buon esempio anche nelle piccole cose quotidiane». Alessandro Giustino, invece, ha parlato delle attività di protezione civile svolte dai volontari della “Pubblica Assistenza” («angeli custodi del nostro territorio», li ha definiti il sindaco Lionetti): «il nostro principale obiettivo è quello del monitoraggio del territorio, soprattutto per quanto riguarda gli incendi boschivi. Ma notiamo molta indifferenza da parte dei nostri concittadini. Il nostro impegno è quello di fare cittadinanza attiva perché il nostro territorio va protetto e tutelato».

Formazione, prevenzione e sensibilizzazione, dunque, ma anche attività delle Istituzioni. In rappresentanza della Polizia Municipale, è intervenuto Francesco Manzari: «siamo sempre presenti sul territorio: è nostro compito tutelarlo e garantire la sicurezza dei cittadini. Ma è importante che gli stessi collaborino: per questo ha un ruolo rilevante l’educazione, la collaborazione ed il senso di responsabilità dell’intera comunità».

Michele Emiliano (foto di Annarita Mastroserio)

Michele Emiliano (foto di Annarita Mastroserio)

«In materia di ordine pubblico la città deve essere compatta», ha esordito l’ospite della serata, Michele Emiliano, assessore alla Legalità e alla Polizia Municipale di San Severo, ex  magistrato della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari e sindaco del capoluogo dal 2004 al 2014: «giustizia, eguaglianza, tutela del patrimonio e rispetto degli altri fanno parte di quel lavoro di squadra che crea la comunità».

È importante, in questo, anche il ruolo del sindaco che, però, può dare indirizzi alle forze dell’ordine ma non intervenire in prima persona. Pertanto, assumono rilevanza i comportamenti dei cittadini: dall’antimafia sociale al monitoraggio.

«Anche le forze dell’ordine», ha concluso Emiliano, «hanno bisogno del vostro aiuto. L’importanza di eventi come questo è dimostrato anche dalla presenza nel pubblico dei rappresentanti dell’arma dei Carabinieri che, pur restando in silenzio, dimostrano che ci sono».

 

Tags: , , , , , , , ,