Il 24 luglio 2013 l’Italia ha condiviso con l’Europa un momento importante, legato all’evoluzione del programma di navigazione satellitare Galileo: per la prima volta, presso il Centro spaziale del Fucino è stata data dimostrazione pubblica delle capacità offerte dal nuovo servizio satellitare, alla presenza del Vice-Presidente della Commissione Europea, responsabile per l’industria, l’imprenditoria e lo spazio, Antonio Tajani, del Ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato e del Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Maria Chiara Carrozza e con la partecipazione di autorevoli esponenti del mondo istituzionale e imprenditoriale, sia nazionale che europeo.

L’Italia è sempre stata al fianco delle Istituzioni europee rispetto al grande obiettivo politico del Programma Galileo, che favorirà l’indipendenza dell’Unione nei servizi di navigazione satellitare.

La Presidenza del Consiglio dei Ministri, infatti, presso cui è istituita l’Autorità Responsabile per il PRS (public regulated service), coordina la partecipazione nazionale al Programma per cogliere le opportunità che Galileo offre sia per gli utenti istituzionali che per le nostre imprese di grandi, piccole e medie dimensioni. A questo riguardo, l’esperienza italiana già condotta con l’industria di settore e con il supporto della Commissione Europea, dell’Agenzia Spaziale Europea e dell’Agenzia del GNSS (global navigation satellite system) europeo, ha registrato, lo scorso 4 luglio, un notevole successo: l’acquisizione del segnale pubblico tramite ricevitore nazionale, prima dimostrazione dell’operatività del sistema. L’evento presso il Centro spaziale del Fucino offre l’occasione di dimostrare che il programma Galileo è già una realtà: una grande sfida tecnologica, strategica e infrastrutturale e una significativa occasione di crescita, anche grazie alle molteplici opportunità di applicazione e sviluppo.

Fonte: Governo Italiano – Presidenza del Consiglio dei Ministri – Sistema Puglia, Imprese, Pubblica Amministrazione, Ricerca e Innovazione Tecnologica, Sportello Europa – Redazione Sistema Puglia