Olio, ulivi, energia, eredità culturale, patrimonio diffuso, risorsa, sviluppo sostenibile, paesaggio umanizzato, paesaggio culturale: sono alcune delle parole chiave al centro della tavola rotonda dal titolo “Io sono un ulivo. Esseri vegetali ed esseri umani. Il paesaggio siamo anche noi”, con degustazione finale di oli d’oliva, e un laboratorio didattico riservato a bambini dai 4 ai 10 anni.

All’interno del Monastero degli Olivetani a Lecce, location dell’incontro, il 29 giugno 2018, è stata inoltre istituita un’area espositiva nella quale è stato presentato il progetto Aristoil, in collaborazione con la Regione Puglia – Coordinamento Politiche Internazionali.

Nel corso della giornata promossa dal Club Lions Puglia, la dott.ssa Vittoria Gravinese ha presentato i primi risultati progettuali. Obiettivo principale di Aristoil, finanziato nell’ambito del Programma transnazionale Interreg Mediterraneo 2014-2020, è il rafforzamento di una rete di produttori di olio extra vergine d’oliva con effetti salutistici, oltre al miglioramento della competitività del settore dell’olio d’oliva del Mediterraneo, attraverso lo sviluppo di un Living Lab di aziende produttrici e l’applicazione di metodologie di produzione e controllo di qualità innovativi che portino alla produzione di un olio di oliva con maggiori proprietà nutraceutiche (come riconosciuto dal reg.  UE 432/2012).

Durante l’infoday, oltre ai primi risultati del progetto, sono state citate le aziende pugliesi il cui olio d’oliva, analizzato dall’Università di Atene su oltre 500 campioni, ha ottenuto alti livelli di polifenoli totali (superiori ai 250 mg / kg) che permetterebbero di avviare il percorso verso l’indicazione di oli naturalmente nutraceutici, in grado anche di apportare notevoli benefici per la prevenzione di malattie neurodegenerative e con effetto antinfiammatorio.

Approfondimenti e contatti per aderire alla rete ARISTOIL:

Fonte: Europuglia