don Nicola Simonetti (ph. Annarita Mastroserio)

don Nicola Simonetti (ph. Annarita Mastroserio)

di Annarita Mastroserio

Festa per la comunità religiosa cassanese ieri sera, mercoledì 28 agosto, con l’ordinazione presbiteriale di Nicola Simonetti nella chiesa madre Santa Maria Assunta in piazza Moro a Cassano delle Murge.

La solenne cerimonia è stata presieduta da Monsignor Francesco Cacucci, Arcivescovo della Diocesi Bari-Bitonto che ha celebrato la messa dinanzi all’immensa folla che ha accolto il cammino intrapreso dal giovane Nicola Simonetti.

L’Arcivescovo ha colto l’occasione per ricordare la concomitanza dell’Ordinazione con la festività in onore di sant’Agostino (data non casuale, poiché Nicola Simonetti è stato assegnato alla chiesa che porta il nome del Santo a Modugno), ricordato quale Padre, Dottore e Santo della chiesa Cattolica, celebrato per aver donato alla comunità cattolica tre grandi precetti: l’esistenza della Divina Provvidenza, l’esistenza della vita futura con terribili punizioni e l’esistenza di Cristo il Salvatore.

Nel corso della celebrazione sono state ripercorse le tappe di formazione di Nicola, dalla decisione di frequentare il seminario minore arcivescovile di Bari per poi entrare, nel 2007, nel Seminario Regionale “Pio XI” di Molfetta, sino al solenne momento in cui, secondo il tradizionale rito dell’imposizione delle mani, il Vescovo lo ha investito della carica presbiteriale. Tra i sacerdoti che hanno investito Nicola della sua nuova “carica”, ci piace ricordare don Carlo Colasuonno (già parroco della chiesa matrice), don Oronzo Valerio (ex parroco della chiesa della Madonna delle Grazie) e i cassanesi don Rocco D’Ambrosio, don Pierpaolo Fortunato (coetaneo di Nicola Simonetti, ordinato sacerdote a settembre 2010) e il futuro frate Roberto Quero (che terminerà il suo percorso il prossimo 30 novembre).

Nicola Simonetti, cassanese nato nel 1985, è cresciuto circondato dall’affetto dei nonni che, come egli stesso ha ricordato nel suo discorso conclusivo, hanno coltivato in lui l’amore per Dio e per gli altri. Essenziale nel suo percorso di crescita è stata poi la figura di un altro indimenticato e indimenticabile sacerdote cassanese, don Battista Armienti, come anche i parroci che gli si sono succeduti, don Carlo Colasuonno e don Nunzio Marinelli. Nicola ha frequentato il liceo di Cassano delle Murge, diplomandosi nel 2004 e intraprendendo, poi, la carriera universitaria abbandonata nel 2007 per “rispondere alla chiamata del Signore” con l’iscrizione al Seminario.

Una decisione sofferta e fortemente voluta dal neo-sacerdote cassanese, amorevolmente accompagnato nel suo percorso dai commossi genitori e dagli amici. Particolarmente toccante è stato il momento dei ringraziamenti, quando don Nicola ha ricordato tutte le figure che gli sono state vicine in questi anni: dalla famiglia (i genitori Raffaella e Donato e il fratello Pierpaolo) alla comunità cassanese sempre al suo fianco dagli anni del catechismo e del teatro all’oratorio, dal vescovo Cacucci ai suoi colleghi di corso al Seminario.

Una cerimonia particolarmente partecipata dalla comunità religiosa cassanese che, per l’occasione, ha riempito di gioia e commozione la Chiesa matrice e piazza Moro dove è stato anche allestito un maxischermo per i tanti amici di don Nicola desiderosi di partecipare a questo momento di festa, fra i quali anche il sindaco Maria Pia Di Medio che, in rappresentanza dell’amministrazione comunale, è riuscita a giungere in tempo a fine celebrazione per congratularsi con don Nicola.

Al termine della cerimonia, una folla commossa ed applaudente ha accolto la processione che dalla chiesa matrice ha condotto don Nicola Simonetti nella chiesetta di san Nicola per gli auguri di rito.

Alcuni amici hanno voluto lasciare “il segno” affiggendo in piazza uno striscione con il seguente messaggio: “Vi siamo vicini in questo giorno speciale e con questo messaggio un augurio inviare e a Raffaella e Dino un abbraccio donare”.

Un augurio a cui ci associamo anche noi della redazione de L’Obiettivo.

 

Tags: , , , ,