Giornata dedicata alla solidarietà ieri, domenica 19 maggio, con il Gruppo Fratres “Santa Maria Assunta” di Cassano delle Murge che ha organizzato, in occasione dei festeggiamenti per la “Madonne de Basce”, una raccolta sangue straordinaria in mattinata e, in serata, con il gruppo teatrale “In cerca di…”, ha messo in scena la commedia in due atti “La giornata più lunga della mia vita”.

Sesta commedia scritta e diretta da Vittorio Ariano, “La giornata più lunga della mia vita” ruota attorno alle vicende di tre fratelli il dott. Eduardo Cabrini e le sue sorelle Brunetta (focosa e testarda) e Clara (romantica e innamorata). I fratelli Cabrini sono uniti da un ‘bisclacco’ giuramento fatto alla madre in punto di morte. Una promessa tanto strana e difficile da mantenere che causa non pochi ‘disordini’ ed equivoci in casa Cabrini tra personaggi che si alternano sul palco in una serie di avvenimenti che in una sola giornata rivoluzioneranno la vita dei tre fratelli caratterizzata dalla costante presenza del nullafacente, e aspirante tuttofare, Ivan e dei pazienti del dottor Eduardo.

Ormai consolidato il duo composto da Vittorio Ariano (che ha interpretato il dott. Cabrini) e Giovanni Caricato (spalla ideale del regista nei panni dell’esuberante Ivan), sono una piacevole conferma gli altri attori del gruppo, da Libiana Tedesco (Brunetta) a Isabel Guglielmo (sua sorella Clara), da Pierluigi Monfreda (il poco ‘ortodosso’ don Ciccio) a Caterina Rubini (la bella spagnola Olanca Sbilencas che porterà scompiglio nella famiglia).
Personaggi secondari ma davvero esilaranti anche Beatrice, classica ‘macchietta’ di paese un po’ matta e ipocondriaca (brillantemente interpretata da Doralisa Campanella), suo figlio Ludovico (Francesco Palmieri) e il ‘cane da tartufo’ sciupafemmine, un po’ sfigato, Beppe Scopino (Francesco Giannuzzi).

Ancora una buona prova della compagnia teatrale, supportata nell’allestimento dal gruppo C.aP. Onlus per la parte tecnica, che conferma la capacità di far ridere e riflettere su argomenti attuali (molti i riferimenti anche alla nostra Cassano presenti nella commedia) di Vittorio Ariano (che al termine della performance ha dedicato un pensiero anche a Saverio Viapiano) e l’affiatamento di un gruppo di giovani che sul palco va per divertirsi prima ancora che per far divertire.

Ieri, dunque, la “prima”. Ma chi non ha avuto modo di assistere alla commedia può ancora recuperare: domenica prossima, 26 maggio, si terrà la replica sempre alle ore 20.00 e sempre presso il teatro dell’oratorio Santa Maria Assunta di Cassano.

Vito Surico

 

Tags: , , ,