di Nicola Surico

Un invito lanciato dall’Amministrazione Comunale alle aziende olivicole del territorio per discutere dell’eventuale partecipazione alla 12ª edizione della manifestazione fieristica internazionale “Olio Capitale. Salone degli olii extravergini tipici e di qualità” (Trieste 3- 6 marzo 2018).

Questa era la premessa dell’incontro che si è tenuto in sala consiliare, ma a rispondere “presente” sono stati in pochi. Ciò nonostante, l’assessore Michele Campanale ha illustrato ai pochi presenti l’evento, cui il Comune ha deciso di partecipare, prenotando uno stand che è da confermare, se ci saranno aziende del territorio interessate a recarsi a Trieste per l’occasione. E la manifestazione di interesse da parte delle aziende deve pervenire all’Ente entro le ore 12:00 di martedì 13 febbraio 2018, altrimenti non ci sarà più tempo e modo per organizzarsi e partecipare.

Per quanto riguarda i costi dello stand, il 50% verrebbe coperto dal contributo che la regione Puglia elargirà all’associazione “Città dell’Olio”, il restante 50% è a carico dei partecipanti (circa 1.200 euro + iva, ma il Comune dovrebbe coprirne 1/3 con un proprio contributo). A carico dei partecipanti, ovviamente, viaggio e soggiorno.

Tra i pochi presenti, due delle tre aziende che hanno partecipato alla scorsa edizione che, al di là della disamina tra mercatino e occasione di incontro con i buyers, si dicevano soddisfatti per aver venduto il prodotto portato alla fiera.

A modesto avviso di chi scrive, la fiera può essere certo una opportunità, ma è necessaria soprattutto una rivoluzione culturale nella organizzazione e programmazione del tessuto imprenditoriale locale perché la partecipazione a questi eventi non resti un “cogli l’attimo”, ma diventi vetrina duratura creando opportunità di sviluppo e lavoro.

 

Tags: , ,