di Vito Surico

Thomas Egea, autore di una doppietta, immediatamente dopo il gol del 2-3 (foto di Alessandro Caiati)

Primo stop stagionale per l’Atletico Cassano che, al PalAngelillo, si arrende alla Chaminade per 3-2 nella 4ª giornata del campionato di Serie B. Resta stregato il campo di casa per i biancocelesti che nelle due partite giocate finora tra le mura amiche hanno raccolto un solo punto.

Se contro il Futsal Ruvo, sabato scorso, gli uomini di mister Guarino erano stati cinici nel realizzare gran parte delle occasioni create, contro la Chaminade si sono rivisti i soliti errori sotto porta che hanno impedito all’Atletico Cassano di mettere in cascina i tre punti facendo sì che il gioco dei molisani desse i suoi frutti: ospiti attenti in difesa e pronti a sfruttare i lunghi lanci dai quali sono nati i tre gol che hanno condannato i biancocelesti alla sconfitta.

Certo, si può recriminare per il gol fantasma non assegnato a Rodrigues Miani nel primo tempo, per le due simulazioni inventate dai mediocri direttori di gara quando l’Atletico Cassano poteva sfruttare due tiri liberi, ma ancor più c’è da recriminare per tutti i gol sbagliati.

Atletico Cassano che si presenta alla partita in emergenza-portieri: out Dibenedetto da circa un mese, si ferma anche Vallarelli per un problema alla gamba. In porta va l’Under 19 Pellecchia che compone lo starting five scelto da mister Guarino con Rodrigues Miani, Egea, Garrote e Alemão Glaeser.

I biancocelesti sono subito pimpanti, tengono palla e si affacciano in un paio di occasioni dalle parti di Al Assuad, ma è di Pellecchia il primo intervento della partita: il portierino mette il piede su un tiro di Pizzuto dalla distanza e devia in corner. Dall’altra parte Garrote vince un contrasto in area con lo stesso Pizzuto e mette Egea da solo davanti a Al Assuad, bravo ad anticiparlo. Ancora i due protagonisti di un bello scambio poco dopo con lo spagnolo che calcia al lato.

La Chaminade si difende e prova a colpire solo con lunghi lanci di Al Assuad per il giocatore più avanzato: sarà questo il frame di tutta la partita dei molisani. Al 4’ Cancio vince un contrasto con Rodrigues Miani, riesce a girarsi ma calcia fuori in equilibrio precario. Poi è proprio Rodrigues Miani che anticipa l’avversario sulla linea di centrocampo, appoggia per Manzalli che fa sponda per Rotondo, anticipato al tiro dal solito Pizzuto. Rodrigues Miani, sugli sviluppi del corner, colpisce il palo.

Dall’altra parte Caruso ha più fortuna: prima è chiuso da Pellecchia, poi al 6’ anticipa Garofalo su un lungo lancio di Al Assuad e va solo contro il portiere biancoceleste battendolo e portando in vantaggio i suoi.

Pronta risposta dei cassanesi che trovano il pareggio un minuto dopo con un preciso rasoterra da fuori area di Egea. Rotondo, Rodrigues Miani e Barbosa con un pallonetto provano a portare in vantaggio l’Atletico Cassano ma Al Assuad è attento. Poco dopo il capitano mette sul secondo palo per Barbosa che per poco non ci arriva.

E quando meno te lo aspetti gli ospiti raddoppiano: ancora un lancio dalle retrovie, difesa cassanese sorpresa e La Bella batte Pellecchia nell’uno contro uno.

L’Atletico Cassano si riversa in attacco: Rotondo mette in area per Egea, chiuso da Al Assuad. Garrote sulla ribattuta manda sopra la traversa. Ci prova Rodrigues Miani da dentro l’area ma il portiere ospite para. Ancora il numero 2, dalla distanza, deve accontentarsi dell’angolo. Sugli sviluppi palla dentro ancora per Rodrigues Miani che calcia da posizione ravvicinata per due volte, Al Assuad c’è ma il pallone sembra aver chiaramente superato la linea. Non per gli arbitri.

A fine primo tempo Pellecchia chiude su Caruso mentre dall’altra parte Rodrigues Miani è falciato alle spalle da Cancio. Per i direttori di gara il sesto fallo dei molisani è simulazione del giocatore dell’Atletico Cassano.

In avvio di ripresa è sempre il numero 2 il più attivo dei biancocelesti: ci prova dalla distanza per due volte trovando sulla propria strada Al Assuad, poi da dentro l’area di rigore, il portiere ospite respinge, la palla resta lì, Garrote è atterrato ma il rigore non c’è…

Sugli sviluppi di un calcio d’angolo, al 3’, gli ospiti si portano sul 3-1 con Pizzuto che devia in rete l’assist di Cancio. L’Atletico Cassano si riversa in attacco e accorcia subito con Egea.

Poi è un vero e proprio assedio fino alla fine: Rodrigues Miani calcia alto, Rotondo al volo è chiuso da Al Assuad, Garrote colpisce il palo esterno, ancora capitan Rotondo manda sull’esterno della rete. Garofalo ci prova da lontano, Al Assuad respinge, e sempre Rotondo sbaglia incredibilmente a porta vuota. Egea non è preciso. Garrote prima tira fuori, poi trova sulla propria strada Al Assuad.

Guarino prova a scalfire il muro innalzato dalla Chaminade inserendo Manzalli nel ruolo di quinto uomo di movimento. L’Atletico Cassano attacca a testa bassa a caccia del pareggio con Rodrigues Miani che non è preciso, Manzalli che colpisce la parte bassa della traversa e vede il pallone rimbalzare in campo, Lorusso che dalla sinistra cerca Garrote sul secondo palo ma lo spagnolo calcia fuori.

Nel finale, ci potrebbe essere un altro tiro libero per l’Atletico Cassano, ma anche in questo caso per i direttori di gara è Lorusso a simulare.

Finisce dunque con la prima sconfitta in campionato per i biancocelesti. Sconfitta sicuramente immeritata per la mole di gioco e di occasioni create. Ma alla fine i punti li porta a casa chi fa i gol: la Chaminade agguanta l’Atletico Cassano in classifica a quota 7 punti (c’è anche il Futsal Canosa). Davanti la Tombesi Ortona prova a scappare con 12 punti racimolati nelle prime quattro giornate di campionato. Al secondo posto si porta il Manfredonia C5, con 9 punti, prossimo avversario dell’Atletico Cassano: una partita da non sbagliare.

nonostante la sconfitta, applausi reciproci tra squadra e tifosi (foto di Alessandro Caiati)

ATLETICO CASSANO – CHAMINADE 2-3 (pt 1-2)

ATLETICO CASSANO: 2. Rodrigues Miani; 4. Giustino; 5. Rotondo (Cap.); 7. Barbosa; 8. Garofalo; 10. Garrote; 11. Manzalli; 14. Zeverino; 16. Egea; 21. Lorusso; 26. Pellecchia; 27. Alemão Glaeser. Allenatore: Cataldo Guarino

CHAMINADE: 12. Al Assuad; 5. Ruscica; 8. Mancini; 10. Cavaliere; 11. Caruso; 14. Pizzuto (Cap.); 17. Presutti; 13. Socci; 19. La Bella; 21. Cancio; 30. Iacovino. Allenatore: Paolo Pizzuto

ARBITRI: Davide Sallese di Vasto, Lorenzo Metrangolo di Pescara e Antonio Valentini di Bari (cronometrista)

MARCATORI: 5’44’’ pt Caruso (C) – 7’16’’ pt Egea (AC) – 14’06’’ pt La Bella (C) – 2’53’’ st Pizzuto (C) – 3’57’’ st Egea (AC)

AMMONITI: 12’26’’ pt Ruscica (C) per gioco scorretto – 19’04’’ pt Rodrigues Miani (AC) per simulazione – 13’34’’ st Cancio (C) per gioco scorretto – 18’23’’ st Egea (AC) per gioco scorretto – 19’14’’ st Lorusso (AC) per simulazione

ESPULSI: 19’04’’ pt E. Pellecchia (allenatore in seconda AC) per proteste

i risultati della 4ª giornata del campionato di Serie B 2017-2018 Girone F (fonte tuttocampo.it)

la classifica del Girone F della Serie B 2017-2018 (fonte tuttocampo.it)

UNDER 19

Battuta d’arresto anche per l’Under 19 guidata da Ezio Pellecchia e Ottavio D’Ambrosio: i biancocelesti hanno perso 3-2, questa mattina, al PalAngelillo, contro la Virtus Noicattaro nella partita valida per la 2ª giornata del Girone S.

Atletico Cassano subito in vantaggio con un gol di capitan Dimartino che, da dentro l’area di rigore, batte il portiere avversario a conclusione di una bella azione costruita da Petrosino. I biancocelesti attaccano per tutta la prima frazione di gioco senza però affondare il colpo: sfiorano la rete con due tiri da manuale di Petrosino (traversa colpita dalla distanza) e Volarig (che defilatissimo vede la sua volée sfiorare l’incrocio dei pali). Il primo tempo si chiude così sull’1-0 a favore dei ragazzi di Pellecchia e D’Ambrosio.

In avvio di ripresa sono gli ospiti a trovare subito il pareggio e, grazie a un pressing più alto e a qualche ripartenza pericolosa, insidiano più spesso la porta difesa da Alessandro Pellecchia. Il gioco della Virtus Noicattaro dà i suoi frutti e gli ospiti si portano sul 3-1. Nel finale D’Ambrosio inserisce Volarig nel ruolo di quinto uomo di movimento ed è proprio il numero 4 biancoceleste a trovare la rete del 3-2 a poco meno di un minuto dal suono della sirena. Negli ultimi 50 secondi l’Atletico Cassano non riesce, pur provandoci, a trovare il gol del 3-3.

Si torna in campo domenica prossima, 5 novembre, sul campo del Futsal Cisternino.

 

Tags: , ,