L’inserimento della strategia della Macroregione adriatico-ionica tra i temi al centro delle politiche di internazionalizzazione. Lo ha proposto il Presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca alla Cabina di regia per l’Italia internazionale che si è riunita il 10 luglio al Ministero degli Esteri, e alla quale ha preso parte in rappresentanza delle Regioni. La richiesta è stata accolta favorevolmente dal ministro Emma Bonino.

Tra le azioni della strategia di internazionalizzazione definite nel documento approvato dalla Cabina di regia, figura il rilancio delle missioni di sistema su tre formati: con rappresentanza politica ad alto livello, presenza multisettoriale e del sistema bancario; missioni settoriali di follow up, dedicate a settori specifici; missioni government to government, senza imprese al seguito o con associazioni di settore. E ancora, maggiore focalizzazione su progetti integrati di filiera e su forme di aggregazione di imprese; accresciuto impegno per i settori più innovativi (meccatronica, biotecnologie, aerospazio, energia per l’ambiente, ecc.); un roadshow tra le regioni italiane finalizzato a incrementare il numero delle aziende stabilmente esportatrici.

L’internazionalizzazione – è stato detto da tutti i componente della Cabina di regia – è un fattore fondamentale per la crescita dell’economia reale italiana. Una strategia molto positiva e decisiva, che va dunque rafforzata.

Da evitare in modo assoluto, al contrario, la delocalizzazione delle imprese. ”E’ necessario – ha detto Spacca nel suo intervento – portare un numero più grande di imprese, soprattutto piccole e medie, sul mercato internazionale. Per fare questo, la strategia deve essere sempre piu’ unitaria e va dunque superata la sua attuale frammentazione”.

Nel corso della riunione e’ stata espressa la necessità che i processi di internazionalizzazione, già vincenti per le grandi e medie imprese, vengano sempre più estesi anche alle aziende artigiane, oltre che a quelle agricole. Sarà inoltre realizzata una maggiore focalizzazione su progetti integrati di filiera e su forme di aggregazione di imprese (consorzi, reti).

L’impegno di tutta la filiera istituzionale in materia di internazionalizzazione è inoltre quello di accrescere l’azione per i settori più innovativi. Tra le proposte avanzate al tavolo da Spacca, l’inserimento della strategia della Macroregione adriatico-ionica. Il tavolo ha discusso e, al termine della riunione, approvato un documento contenente le linee guida sulle attività di promozione all’estero.

Fonte: Regioni.it – Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome – Sistema Puglia, Piccole e Medie Imprese – Redazione Sistema Puglia