Si chiama “Luoghi comuni” ed è la nuova iniziativa delle Politiche giovanili lanciata da Regione Puglia e ARTI Puglia: l’obiettivo è finanziare i progetti di innovazione sociale proposti da organizzazioni giovanili, che possono essere accolti e realizzati in spazi pubblici. Non è un caso che il payoff dell’iniziativa sia “Diamo spazio ai giovani”: un classico luogo comune che, però, la nuova iniziativa intende avvalorare.

Presentata a Bari dal presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e dall’assessore alle Politiche giovanili Raffaele Piemontese, “Luoghi comuni” nasce in continuità con precedenti attività regionali, con il fine dichiarato di valorizzare quanto già fatto con precedenti iniziative quali, ad esempio, Laboratori urbani: gli enti pubblici hanno spazi spesso già oggetto di opere di ripristino e restauro, ma attualmente inutilizzati o sottoutilizzati: palazzi, scuole, uffici, palestre, piazze, stazioni. Con “Luoghi comuni“, la Regione stimola la cooperazione tra gli enti e le organizzazioni giovanili, partendo dal presupposto che spazi pubblici sottoutilizzati e giovani con idee sono una risorsa da mettere a valore.

Le ricadute della misura sono diverse: più luoghi per la creatività e l’apprendimento dedicati ai giovani pugliesi; valorizzazione di spazi pubblici sottoutilizzati, che diventeranno dimore dei progetti di innovazione sociale; più opportunità di attivazione per i giovani; un miglioramento dei territori anche grazie ad un possibile maggior coinvolgimento delle comunità locali.

Ecco, in sintesi, come funziona l’iniziativa. Entro ottobre 2017 la Regione Puglia pubblica l’avviso. Gli enti pubblici interessati candidano gli spazi che intendono valorizzare, pubblicandoli sulla piattaforma luoghicomuni.regione.puglia.it. Le organizzazioni giovanili (associazioni, cooperative e imprese, i cui organi direttivi siano composti in maggioranza da under-35) possono segnalare ulteriori spazi non ancora censiti nella piattaforma. Scelgono poi uno spazio, candidando il proprio progetto di innovazione sociale da realizzarvi. Regione Puglia e ARTI valutano le proposte e finanziano i progetti più coerenti con gli obiettivi dell’iniziativa. Le organizzazione giovanili realizzano quindi il progetto.

I progetti possono essere finanziati con un importo massimo di 40mila euro ciascuno. La dotazione dell’intera iniziativa è di 10 milioni di euro.

ARTI è il soggetto attuatore di “Luoghi comuni“, di cui cura le fasi progettuali e l’esecuzione.

Fonte: Arti Puglia