(foto d’archivio)

In un post pubblicato stamattina sulla pagina Facebbok del gruppo consiliare X Te, l’Amministrazione Comunale annuncia di aver trovato una «cura» per il Maugeri.

Una soluzione che, annunciano gli amministratori, lascia al Comune «piena autonomia decisionale e con essa la possibilità di gestire tempi e procedure. Il tutto con l’auspicio di consegnare alla Fondazione una tempistica certa e ben definita che in passato è mancata e che ha portato alla decisione inesorabile della delocalizzazione».

La «cura», si legge ancora nel post, è stata «ricercata, voluta e alla fine tenacemente trovata dall’amministrazione Di Medio, in sinergia con Regione e proprietà».

Proprio una settimana fa, con gli stessi strumenti, l’Amministrazione annunciava che la sindaca Di Medio aveva richiesto la convocazione urgente di un Consiglio Comunale monotematico sull’argomento e la contestuale convocazione delle commissioni, al fine di esporre «importanti novità».

«Abbiamo, senza indugio e a termini di regolamento, investito i Gruppi di Minoranza con la convocazione immediata della 3ª commissione, della conferenza di capigruppo e la programmazione di un Consiglio Comunale nella prima data utile di mercoledì 14», ribadisce dunque X Te ma «qualcuno “aveva impegni”, evidentemente prioritari rispetto alla questione e non ha partecipato né alla commissione né alla conferenza di giovedì. I gruppi di minoranza presenti, hanno invece manifestato la necessità di approfondire aspetti a noi, al contrario, chiarissimi. La maggioranza, rispettosa di questa volontà, preso atto di ciò e al fine di COINVOLGERE TUTTI i gruppi consiliari nella decisione, quindi anche gli assenti e incerti, ha disposto un aggiornamento a breve della commissione e della conferenza dei capigruppo, consentendo quindi alla minoranza la possibilità di studiare la documentazione depositata».

Il Consiglio Comunale, si apprende, è stato rinviato di un giorno, con l’auspicio di una condivisione unanime e trasversale. Si dovrebbe tenere, dunque, giovedì 15 marzo. Non c’è ancora la convocazione ufficiale.

«Siamo consci e sicuri – scrive X Te – della bontà della proposta e crediamo nel rispetto delle parti e delle prerogative istituzionali delle minoranze. Aspettare un giorno per consentire una votazione consapevole e… perché no… unanime, lo consideriamo un dovere politico, perché rispettoso di tutti i cittadini rappresentati in consiglio».

Il rammarico del gruppo di maggioranza, però, è per la «strumentalizzazione» e i «protagonismi politici», poiché X Te si aspettava che «la vicenda del trasferimento “Maugeri” riportasse il dialogo ed il confronto costruttivo nell’ambito della massima assise cittadina e invece… ecco subito pronta l’ennesima dichiarazione! Propagandistica e strumentale ad una POLITICA DI SCONTRO che non ci appartiene e che non ci scalfisce.

Il tempo delle polemiche è pari a zero. Il gruppo X Te è pronto a fare la sua parte giovedì in Consiglio Comunale. Agli altri scegliere se stare con noi, con il Maugeri e il nostro territorio o rimanere fuori, strumentalizzando ad arte un sano e costruttivo contraddittorio su temi, per trasformarlo in dubbi ed incertezze, che appartengono solo a loro e che nascondono, in realtà, soltanto la chiara volontà di sottrarsi ancora una volta alle proprie responsabilità».

Sull’argomento si era espresso, nei giorni scorsi, il gruppo consiliare PrimaVera Cassano con un post pubblicato sulla propria pagina Facebook lo scorso 8 marzo, a seguito della seduta della Commissione: «quale terapia per la Maugeri?», si chiedeva il gruppo rappresentato in Consiglio Comunale da Teodoro Santorsola e Amedeo Venezia, nello spiegare che «dopo quattro ore di impegnativi lavori, la terza commissione consiliare permanente ha deciso di aggiornarsi per ulteriormente approfondire la complessa vicenda della questione fondazione Maugeri. Tale proposta, accolta da tutti i presenti, è stata formulata dal capogruppo di Primavera Cassano, Teodoro Santorsola, al fine di acquisire ulteriori elementi per individuare l’iter migliore necessario a non far migrare l’importante presidio riabilitativo del nostro territorio verso Bari».

Anche il consigliere di SìAMO Cassano Ignazio Zullo, nel corso dell’evento di chiusura della sua campagna elettorale per le politiche 2018, aveva ribadito i propri meriti nell’aver tenuto fino ad ora il Maugeri a Cassano e i rischi che la struttura abbandonasse il nostro paese a causa dell’inefficienza dell’Amministrazione Comunale.

 

Tags: , , , , , ,