Sabato 9 giugno è iniziata la missione archeologica internazionale nell’isola di Rinia, in Grecia.  Il Ministero della Cultura greco – Eforia delle Cicladi, con la collaborazione del MiBACT e dell’École française d’Athènes è alla scoperta di un sito archeologico quasi sconosciuto e tutto da esplorare, nel cuore del mar Egeo, su un’isola, disabitata, che custodisce ancora straordinarie testimonianze antiche.

Il Ministero italiano, tramite il Parco Archeologico di Pompei e in collaborazione con l’Università Federico II di Napoli, mette così a disposizione le proprie competenze nel campo della ricerca, della tutela, della valorizzazione archeologica, con una squadra di specialisti e professionisti dei beni culturali: archeologi, architetti, topografi, epigrafisti.

Conoscere, conservare, promuovere l’immenso patrimonio culturale del mondo Mediterraneo è una sfida affascinante ma complessa e lo sviluppo di progetti di collaborazione internazionale e scambio di buone pratiche può fare la differenza.

L’isola di Rinia, di fronte all’antica Delos, ospita importanti resti di necropoli, fattorie, santuari, in un paesaggio di rara suggestione, ma non è mai stata oggetto di indagini sistematiche estensive. La missione sta svolgendo attività di esplorazione, documentazione, ricognizione dell’immenso patrimonio conservato, per favorirne la conoscenza, la tutela e la conservazione.

Fonte: Mibact