di Giulia Masiello

gli Imbragnati Natura Center, vincitori del Murgia’s Cup 2, con alcuni degli organizzatori della manifestazione al momento della premiazione (foto Facebook)

Non è bastata qualche nuvola di pioggia e neanche il vano tentativo di dar fuoco ad alcuni degli spogliatoi adiacenti i campi da gioco del Polisportivo Comunale di Cassano, a demolire l’entusiasmo degli atleti che ieri, a partire dalle 14, hanno popolato il suddetto complesso per sfidarsi a suon di gol durante la tanto attesa seconda edizione del Murgia’s Cup, il torneo di calcio a 5 “del Cuore”.

Già, perché è stato proprio il Cuore il motore della gara che ha visto aggiudicarsi il primo posto di questa tanto entusiasmante quanto movimentata manifestazione alla “Imbragnati Natura Center”, già vincitori della prima edizione del Murgia’s Cup, con a seguire Lozitiello Srl (di Santeramo) e i cassanesi di New Non Solo Pane rispettivamente sul secondo e terzo gradino del podio.

L’iniziativa, come affermano gli ideatori, nonché membri della nascente Cooperativa Consortile L’altra Cassano, «è nata come variante ai soliti tornei, ma, soprattutto, come occasione per movimentare un po’ il paese e per coltivare lo spirito di aggregazione, creando, per così dire, un bell’ambiente sportivo e gioviale, all’insegna dell’amicizia e del sano divertimento, senza escludere nessuno».

la squadra dello S.P.R.A.R. di Cassano delle Murge. La partecipazione dei ragazzi al Murgia’s Cup due è un ottimo segno di integrazione (foto di Giulia Masiello)

Non solo parole, ma fatti: a darsi appuntamento invero ben ventidue squadre di giovani accomunati dalla stessa passione, cassanesi di nascita ma anche d’adozione, vista la provenienza dei giocatori non solo dai paesi limitrofi, ma anche da quelli oltremare. A partecipare, infatti, anche il team dello S.P.R.A.R. di Cassano, fortemente motivato e al tempo stesso emozionato per questo significativo “ingresso in campo”. Un segnale piuttosto forte e un esempio importante di solidarietà e integrazione, che disfa e sgretola i pregiudizi ancora troppo diffusi, che spesso contaminano la pacifica convivenza tra popoli di origini differenti.

Queste dunque, a detta del gruppo da qualche anno noto anche col nome, non a caso, Heart Sensation, le prerogative principali che hanno alimentato l’evento, al quale hanno partecipato tutti coloro che sono animati dalla passione per il calcio, che hanno avuto voglia di sana competizione, ma soprattutto di condivisione, senza grandi pretese, se non con l’intento di «trascorrere una giornata in compagnia di amici e in armonia nel paese in cui si vive. Questo perché il vero scopo del Murgia’s cup è quello di valorizzare e promuovere il territorio cassanese».

nell’area antistante il PalAngelillo allestito il dj set

 

Tags: , ,