di Leonardo Lositopresidente Murgia Enjoy

(foto da comunicato stampa)

In riscontro all’articolo pubblicato a firma del neo-Direttivo della Consulta delle Associazioni, ben conoscendo il ruolo della Consulta, preciso che il ricorso all’opinione pubblica, con il tramite delle testate giornalistiche, si è reso necessario in mancanza di risposte alle mie proposte ed alle mie comunicazioni e non certo finalizzato a mettere in dubbio l’operato della Consulta.

Come precisato nelle proposte associative, l’erogazione di un contributo non rappresentava una conditio sine qua non ma sembra che si voglia strumentalizzare quella precisazione senza della quale, in caso di disponibilità di fondi, l’associazione si sarebbe trovata automaticamente esclusa.

FILE PDF IN ALLEGATO.

Ma se la Consulta ritiene opportuno entrare nel merito delle opportunità offerte alle associazioni mi vedo costretto a rendere pubblica una mail che ancora non ha ricevuto risposta indirizzata anche al Direttivo:

(foto da comunicato stampa. Clicca per ingrandire)

Non è questo un valido e provato contraddittorio a quanto affermato nell’articolo dalla Consulta che non ha mai fornito una risposta né coordinato le Associazioni per lasciar spazio anche all’associazione Murgia Enjoy che nella mail aveva chiesto la disponibilità del palco proponendo un evento a COSTO 0?

O forse l’opera di sensibilizzazione sull’ambiente e gli argomenti che sarebbero stati trattati (ambiente, randagismo, turismo, ecc.) sarebbero risultati scomodi per qualcuno tanto da chiedere di ignorare la proposta?

Probabilmente il Direttivo ignora che anche in Agosto l’associazione ha presentato una proposta chiedendo un supporto economico. Si è trattato dell’unica proposta su tante che ha ottenuto una risposta dall’amministrazione comunale che ha precisato l’impossibilità di sostenere economicamente l’associazione. Tale evento, però, l’associazione è riuscita ugualmente a svolgerlo con il patrocinio gratuito dell’ente proprio come vi era la concreta possibilità che sarebbe riuscita a proporre altre iniziative per il Natale cassanese.

Forse il neo-Direttivo, o il suo Presidente, erano assenti quando, proprio in un evento pubblico organizzato dalla scrivente associazione svoltosi prima delle votazioni, una rappresentanza dell’attuale amministrazione aveva preso l’impegno di offrire pari opportunità (assegnazione dell’uso dei locali, erogazione di contributi, ecc.) a tutte le associazioni?

E’ sicuro che tutte le iniziative tenutesi dall’insediamento della nuova amministrazione si sono svolte senza alcun contributo economico?

Perché non vengono rendicontate pubblicamente ed in maniera trasparente le spese o le eventuali erogazioni dei due cartelloni dell’estate cassanese e delle festività natalizie anche con il tramite delle testate giornalistiche locali lette dai contribuenti?

Perché non vengono rese pubbliche tutte le altre proposte avanzate dalle varie associazioni con relative richieste di contributi?

In quanto all’avviso sul doposcuola, pur avendo già precisato in una mia comunicazione che comprendevo la difficoltà del Presidente di contattare tutti i Presidenti delle Associazioni, dato il numero delle associazioni ed i tempi ristretti, conferma la Consulta, quindi, essere palesemente FALSA la dichiarazione rilasciata in un precedente articolo che riportava testualmente: “Aggiungiamo che, nonostante i tempi risicati, l’avviso pubblico è stato debitamente pubblicizzato dal presidente della Consulta delle associazioni, Douglas Rambukwella, il quale ha inviato via mail l’avviso pubblico alle associazioni avvisando personalmente uno ad uno i relativi presidenti.“?

Prima di prestarsi ad interpellare i Presidenti delle Associazioni, il Direttivo o il Presidente non hanno fatto notare la stranezza di un avviso che di fatto non lasciava la possibilità di partecipare se non ad associazioni già “pronte” lasciando spazio a supposizioni di vario tipo?

Il Direttivo della Consulta non si è accorto che delle Associazioni che hanno partecipato all’avviso pubblico sul doposcuola solo una è iscritta alla Consulta?

Dispiaciuto per i bambini cassanesi e per i commercianti che avrebbero potuto trarre vantaggio da nuovi visitatori, comunico che l’attività associativa che prevedeva la discesa della Befana si è ugualmente svolta e con grande successo in quel di Toritto e che l’attività di sensibilizzazione, che avrei gradito si fosse svolta sul palco offerto dall’amministrazione cassanese, si terrà a breve a Matera in occasione della presentazione ufficiale del Calendario associativo 2018.

Concludo ricordando che ho sempre offerto la disponibilità gratuita mia, dei soci e dell’associazione tutta, di cui ho, ad oggi, l’onore di essere Presidente e che non ha MAI fruito di un contributo a carico dei contribuenti cassanesi, ma ho pur precisato che se ci sono opportunità è bene che tutte le associazioni possano fruirne senza favoritismi o preclusioni.

Forse quei locali assegnati ed inutilizzati avrebbero realmente una utilità e tutte le associazioni, se vedessero più trasparenza, si sentirebbero invogliate ad impegnarsi per Cassano!

 

Tags: