prosegue il diaologo tra puglia e kazakistanA distanza di soli tre mesi dall’incontro con l’assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia Loredana Capone, a Bari, l’ambasciatore della Repubblica del Kazakhstan in Italia, Andrian Yelemessov, è tornato in Puglia per discutere delle opportunità e delle prospettive di investimento nel tacco d’Italia. L’obiettivo è costruire un ponte tra le imprese pugliesi e il mercato kazaco.

L’incontro è avvenuto nelle stanze del Comune di Gallipoli alla presenza di Michele Emiliano, del sindaco di Gallipoli Francesco Errico, del sindaco di Santeramo in Colle Michele D’Ambrosio, del sindaco di Acquaviva delle Fonti Davide Francesco Ruggero Carlucci. L’ambasciatore si è detto pronto a collaborare, pronto a concretizzare il suo grande apprezzamento per questo straordinario lembo di terra e le sue realtà imprenditoriali. Ha sollecitato, però, agevolazioni fiscali da parte dello Stato e una burocrazia più snella.

“La Regione Puglia – ha detto l’assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone – ha lavorato con dedizione e costanza negli ultimi anni per ridurre al massimo la burocrazia. Abbiamo sostenuto e incentivato gli investimenti, perché convinti che promuovano crescita del PIL, del lavoro, dell’occupazione.

Oggi la Puglia, con i suoi luoghi straordinari, è tra le mete turistiche più ambite d’Europa ma può anche contare su professionalità altamente specializzate. Questo – ha proseguito – è di per sé un incentivo a investire incredibile. Pensiamo, ad esempio, a Bosch, Alenia, Getrag, Merck Serono. Interi poli industriali si sono insediati in Puglia. Ci auguriamo, dunque, che anche l’Ambasciatore Kazako possa cogliere appieno queste potenzialità e presentare progetti di investimento concreti che puntino sulla ricerca, sull’innovazione”.

“Perché questa collaborazione possa consumarsi nelle migliori condizioni possibili, però, – ha concluso l’assessore – è indispensabile che la burocrazia legata all’accesso degli stranieri in Italia sia meno gravosa. Il mio appello, dunque, va al Ministero degli Esteri perché stabilisca condizioni di reciprocità per l’ingresso degli imprenditori Kazaki nel nostro Paese”.

Fonte: Puglialive.net – Sistema Puglia, Rassegna Stampa, Area Politiche per lo Sviluppo – Redazione Sistema Puglia