di Annarita Mastroserio

Davide Tambone con il suo libro "Se solo potessi... creare relazioni efficaci" (foto dal suo profilo facebook)

Davide Tambone con il suo libro “Se solo potessi… creare relazioni efficaci” (foto dal suo profilo facebook)

Noi esseri umani esistiamo perché siamo in grado di creare relazioni, e soffriamo, per la difficoltà di creare relazioni efficaci. Ci sentiamo spesso vittime di fraintendimenti, attribuendo a chiunque – tranne che a noi stessi –, la responsabilità di utilizzare il “potere di creare relazioni efficaci”, unica strada per il successo in ogni campo della vita.

Presenta così il suo libro “Se solo potessi… creare relazioni efficaci” (Gribaudi Editore) il cassanese Davide Tambone, ex manager e coach dal 2002, creatore del modello “Human strategy” rivolto al mondo aziendale, life e sportivo. Il libro, scritto a quattro mani con il trainer Max Formisano, è un vero e proprio ‘dialogo’ fra i due che rispetta la forma dinamica e leggera tipica della comunicazione verbale.

Inizialmente, ci ha confidato Davide nel corso dell’intervista che segue, il titolo proposto era “Culo e camicia con tutti” a ricalcare l’atmosfera divertente con cui si è affrontata la realizzazione del libro.

Se solo potessi… creare relazioni efficaci” è il tuo primo libro. Da cosa è nata l’esigenza di scriverlo?

Questo libro è nato in un momento storico in cui possediamo i più affinati mezzi di comunicazione ma allo stesso tempo ci sentiamo soli come mai prima d’ora. Io stesso condivido molto poco della mia vita sui social network (che spesso si rivelano una pura manifestazione del proprio ego, della necessità di mostrarsi felici e della continua ricerca di approvazione) pur essendo io una persona estremamente comunicativa. A questi modi di comunicazione preferisco il contatto umano, prediligo la relazione ‘reale’ a quella ‘virtuale’.

Se dovessi racchiudere il tuo libro in tre parole, quali sarebbero?

Non riuscirei mai a racchiudere un intero libro in sole tre parole, preferirei utilizzare un concetto che io considero estremamente riassuntivo, e forse anche un po’ ‘esagerato’, che consiste nel “non avere bisogno dell’altra persona”. Mi spiego meglio. Poiché ogni relazione è necessariamente ‘contaminata’ da ciò che si cerca nell’altro, questo tipo di relazione è sbagliata perché parte da una condizione di privazione, quindi da una necessità egoistica. Sarebbe ideale non cercare la soddisfazione alle proprie esigenze negli altri, trovandola invece in se stessi. Solo in questo modo si guarderebbe chi ci sta di fronte partendo da una condizione di completezza senza avere alcuna pretesa.

Se esiste un segreto per creare relazioni felici (che non sveliamo per ovvi motivi) qual è il punto di partenza per riuscire a raggiungere tale scopo?

Bisogna cominciare innanzitutto da “l’ascolto profondo dell’altro”. In genere all’uomo piace ascoltare più se stesso e molto poco chi gli sta di fronte… non a caso in questi tempi abbiamo alla nostra portata qualsiasi cosa vogliamo, c’è abbondanza di tutto soprattutto dal punto di vista nozionistico ma c’è scarsità di attenzione, quindi abbiamo difficoltà a seguire una persona mentre parla e ad ‘assimilare’ quello che dice.

Il segreto è parlare, ma soprattutto ascoltare.

Davide Tambone (foto dal suo profilo facebook)

Davide Tambone (foto dal suo profilo facebook)

Il libro è nato a quattro mani dalla collaborazione tra te, Davide Tambone in veste di coach, e Max Formisano trainer. Spieghiamo ai nostri lettori cos’è il mestiere di coach e di trainer.

Il trainer, che in italiano sta per “formatore”, parte da teorie di carattere generale i cui principi vengono diffusi ad un pubblico in genere molto vasto introducendo, in un certo senso, il lavoro del coach.

Il mestiere del coaching non ha una vera e propria traduzione in italiano, ma io preferisco definirlo come “arte di liberare il potenziale delle persone”. Il coach non è una guida ma affianca il cliente aiutandolo a prendere consapevolezza e a prendere le decisioni giuste. Gli incontri si rivolgono in genere ad una o a pochissime persone con delle domande che partono dall’obiettivo che il cliente vuole raggiungere seguendo due fasi: la consapevolezza (potenzialità e talenti nascosti) e responsabilità (saper usare queste capacità a proprio vantaggio). In sostanza aiutiamo il cliente a “diventare esperto di se stesso”. Il coach interviene non quando non si conosce la soluzione al proprio problema, ma quando la si conosce ma non si trova la forza di attuarla.

Quali sono i potenziali lettori a cui si rivolge questo libro?

Si rivolge a tutti coloro che hanno relazioni, praticamente da quando si è in grado di leggere, non ci sono limiti d’età. Inoltre nel libro, dopo una prima sezione dedicata alla teoria, sono presi in considerazione numerosi contesti di relazione, a partire da quello familiare, coniugale sino a quello lavorativo.

Hai creato un canale “Freccia Vlog” su youtube. Perché hai scelto questa piattaforma?

Io amo la tecnologia e, per questo, cercavo un modo di comunicare ‘innovativo’ quando ancora i social network non avevano raggiunto i livelli attuali di diffusione. E, nonostante sia difficile parlare davanti ad una webcam, mi sono ‘lanciato’ ugualmente creando nel 2008 questo canale youtube “Freccia Vlog”, che non è un blog (con un testo scritto) ma un ‘video-blog’. Ho scelto questo tipo di piattaforma perché spesso incontro persone che, per diversi motivi, hanno rapporti non facili con i libri e questo mi sembrava un modo più rapido ed efficace per raggiungere tutti.

Ci sono altri progetti in cantiere?  

Sì, il prossimo anno dovrebbe uscire il mio nuovo libro “Oltre te stesso” che ho scritto da solo e che ha un taglio anche spirituale oltre che trans-personale.

Pubblichiamo di seguito il video realizzato dallo stesso Davide Tambone in occasione dell’uscita di “Se potessi… creare relazioni efficaci” ricordando che il libro si può acquistare online e nelle principali librerie. A Cassano presso la cartolibreria “Il Papiro”.

 

Tags: , , ,