sicurezza-alimentareNel 2013 il sistema di allarme rapido dell’UE per la sicurezza alimentare ha rafforzato il suo ruolo vitale di bloccare i prodotti alimentari pericolosi e in futuro guiderà la lotta contro le frodi.

L’anno scorso il sistema RASFF dell’UE ha segnalato 3 205 nuovi casi di rischi per la salute in prodotti alimentari. Le notifiche riguardavano, fra le altre cose, fragole con presenza di virus dell’epatite A e carne contenente il pericolosissimo batterio E.coli.

La rete RASFF, che collega i 28 Stati membri e diversi altri paesi extra UE, consente di condividere le informazioni sui potenziali rischi per la salute presenti nei prodotti alimentari e nei mangimi e coordina la risposta immediata.

Identificando tempestivamente i pericoli è possibile ritirare i prodotti dal mercato o richiamarli dai consumatori. Alcuni prodotti non arrivano neanche nei negozi: un esempio sono quelli provenienti da paesi extra UE e respinti alle frontiere esterne in quanto non sicuri.

Fonte: Commissione Europea – Sistema Puglia, Sportello Europa – Redazione Sistema Puglia