Per favorire la diffusione della carta acquisti tra le fasce di popolazione di maggiore bisogno, è previsto l’avvio di una sperimentazione nei Comuni con più di 250mila abitanti.

I Comuni nei quali sarà effettuata la sperimentazione sono Bari, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino, Venezia e Verona.

L’Inps, come già nella carta acquisti ordinaria, è il soggetto attuatore che disporrà l’accredito delle somme spettanti, una volta acquisite le richieste ed accertato il diritto all’ottenimento del beneficio.

Nel caso in cui il nucleo familiare rientri in graduatoria utile, la consegna delle carte sarà effettuato da Poste Italiane.

Con il messaggio n. 12249 del 30 luglio 2013 vengono descritti in dettaglio le modalità e i requisiti per ottenere la carta acquisti e i compiti dell’Istituto in materia.

Fonte: Istituto Nazionale Previdenza Sociale – Economia, Pubblica Amministrazione, Sistema Puglia, Territorio – Redazione Sistema Puglia