È di queste ore la notizia che i residenti di molti comuni negli ultimi cinque anni hanno pagato una tassa rifiuti molto più alta di quanto avrebbero dovuto a causa di un errore di calcolo della quota variabile del tributo, che ha fatto lievitare a dismisura la cifra dovuta.

SìAMO Cassano vuole accertarsi che i contribuenti cassanesi non siano vittima dello stesso errore: «la Tari – scrivono dal gruppo dei consiglieri Catucci e Zullo nell’interpellanza presentata oggi alla sindaca Di Medio – comprende una quota fissa e una variabile. La parte fissa dipende da quanto è grande la casa, quella variabile cresce a seconda del numero dei componenti familiari.

La parte variabile va calcolata una sola volta sull’insieme di casa e pertinenze (ovvero cantine, box locali annessi) tenuto conto del numero dei familiari. La loro esistenza non aumenta la produzione dei rifiuti. Molti Comuni, invece, l’avrebbero applicata tante volte quante sono le pertinenze dell’abitazione, come se l’immondizia aumentasse in presenza di più pertinenze».

SìAMO Cassano esplicita dunque l’intento di «verificare […] che il Comune di Cassano abbia applicato nel tempo correttamente il calcolo della TARI sia per questioni di giustizia ed equità sociale e sia per comprendere le azioni da intraprendere a favore dei contribuenti nel caso di calcolo errato».

Pertanto SìAMO Cassano interroga la prima cittadina per sapere se «la modalità di calcolo della TARI attuata dal Comune negli ultimi cinque anni ed in particolare se tale modalità è stata ossevante della norma di legge ovvero che la parte variabile va calcolata una sola volta sull’insieme di casa e pertinenze (ovvero cantine, box locali annessi) tenuto conto del numero dei familiari poichè la loro esistenza non aumenta la produzione dei rifiuti o se, in maniera errata, sia stata, invece, calcolata e addossata al contribuente tante volte quante sono le pertinenze dell’abitazione, come se l’immondizia aumentasse in presenza di più pertinenze».

E nel caso in cui il calcolo fosse errato «quali provvedimenti intende adottare per restituire ai cittadini contribuenti la quota di TARI percepita indebitamente dal Comune?».

 

Tags: , , , ,