In occasione della “Giornata in ricordo delle vittime della strada – Gli Angeli della Strada”, manifestazione organizzata dal Comune di Cassano delle Murge ed in programma il 1° giugno presso il Liceo Scientifico Leonardo-Platone con la partecipazione dei familiari delle vittime, il coordinatore del gruppo Trekking cassanese, Nicola Diomede, propone un interessante percorso escursionistico tracciato di recente, il Sara.63, dedicato proprio a questo evento.

Come ormai noto”, scrive Diomede nell’evento dedicato su facebook, “l’iniziativa di Trekking Cassano è stata da me avviata per esaudire un desiderio della nostra amata figlia Sara, scomparsa nel 2009 a seguito di un grave incidente stradale, la quale mi aveva manifestato l’idea di mettere gratuitamente a disposizione di tutti gli escursionisti, la mia discreta conoscenza del territorio circostante Cassano, frutto di una passione condivisa con lei e rivolta alla scoperta di sempre nuovi sentieri, nella natura incontaminata delle nostre murge.

In tale ottica ed in occasione di questo importante evento sulla sicurezza stradale di cui non si parla mai abbastanza (sottolineando, inoltre, che quando siamo alla guida di veicoli è importante anche tener conto dei comportamenti spesso spregiudicati degli altri utenti della strada!)”, aggiunge Diomede, “ho pensato di fornire uno spunto per consigliare ai nostri giovani (e non solo a loro) di praticare maggiormente sport come l’escursionismo limitando all’indispensabile l’uso delle auto, nella ovvia constatazione che camminare (o pedalare) ci mantiene in forma consentendo allo stesso tempo di valorizzare e vigilare sul nostro territorio.

Visto che l’area di Cassano e del Parco Alta Murgia presenta una grande ragnatela di sentieri, piste e tratturi ed è perciò naturalmente vocata per la pratica escursionistica (sicuramente da incrementare e coordinare nel prossimo futuro)”, conclude il coordinatore del gruppo di trekkers cassanesi, “ho ritenuto utile tracciare un percorso che unisca la bellezza dei nostri paesaggi con il fascino oscuro delle numerose cavità carsiche di cui la murgia è ricca”.

Il tracciato proposto per domenica 2 giugno, un anello di circa 12 km (che permette anche di essere suddiviso in due frazioni più brevi), consente quindi di toccare sette di queste cavità seguendo questo percorso: il punto di partenza, come al solito, è presso il liceo cassanese (alle ore 8.00), si procederà poi sulla strada di servizio dell’AQP, strada dei Riformati, contrada del Nisco con la grotta omonima, grotta del Lupo, grotta dei Briganti, cisterna delle Monache, Masseria Santoro, contrada Mazzacavallo, grotta Albero di Sole, grotta di Cristo, grotta della Masseria Battista, grotta di Masseria Lopez, contrada Serre di Laudati, Villa Pellerano e rientro al punto di partenza (previsto per le ore 13.00).

Considerando l’orografia del territorio attraversato, il percorso è da consigliare a chi ha una discreta preparazione atletica e richiede l’utilizzo di scarpe da trekking (molte pietre da scansare!). La variabilità del tempo consiglia inoltre di portare al seguito un k-way per proteggersi da qualche inatteso e sgradito scroscio di pioggia.

 

Tags: , , ,