innovation“Sono più di vent’anni che a Roma non esiste una politica industriale, che si osserva fatalisticamente perdere pezzi rilevanti di apparato produttivo industriale, senza che si mettano in campo strategie reattive.

Noi qui in Puglia abbiamo provato a reagire”.

Così il Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola intervenendo insieme con l’Assessore Loredana Capone, alla conferenza stampa di presentazione del bilancio degli incentivi varati in favore delle imprese nella programmazione 2007-2013.

“Abbiamo costruito in questi anni – ha proseguito Vendola – il più completo catalogo di incentivi che servono, non solo ad attrarre investimenti di grandi gruppi esteri o nazionali, ma che provvedono anche a dare ossigeno allo spirito d’intrapresa dei giovani, delle donne, di coloro che hanno il talento dell’innovazione”.

Secondo Vendola “se la Puglia oggi ha due distretti, come quello della meccatronica e dell’aerospazio, che sono considerati tra i più innovativi e importanti distretti anticrisi del Paese, questo è perché il pubblico ha fatto la sua parte. C’è chi pensa, a Roma, che la politica industriale la debba fare semplicemente il sistema d’impresa. Noi vogliamo, invece, accompagnare le imprese a investire nell’innovazione.

Non c’è futuro né per l’industria, né per la campagna, né per la cultura, né per il turismo se non si investe in innovazione. Noi lo abbiamo fatto e abbiamo animato la scena economica pugliese; abbiamo difeso con le unghie e con i denti grandi industrie che stavano per delocalizzare”.

“Se avessimo anche a Roma – ha concluso Vendola – una classe dirigente di qualunque colore politico che avesse in testa lo sviluppo economico e la politica industriale, forse potremmo dire cose meno balbettanti sul bisogno di lavoro, soprattutto dei giovani”.

Fonte: Ufficio Stampa Regione Puglia – Sistema Puglia, Area Politiche per lo Sviluppo, Imprese, Ricerca e Innovazione Tecnologica – Redazione Sistema Puglia