fbpx

20 Comuni pugliesi tornano in area arancione. Sulla Murgia restrizioni solo per Altamura e Gravina. Cassano resta in area gialla

il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano (foto Facebook)

Il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ha firmato, oggi pomeriggio, l’ordinanza n. 448 con la quale reintroduce l’area arancione per 20 Comuni pugliesi da domani, 8 dicembre, fino a lunedì 14 dicembre.

Diciotto dei Comuni interessati dal provvedimento di Emiliano sono nelle province della BAT e di Foggia. Due, invece, rientrano nell’area murgiana e sono Altamura e Gravina in Puglia.

Cassano delle Murge, dunque, resta in area gialla nonostante la sindaca Di Medio, come si apprende da diverse fonti di stampa, sia tra i firmatari di una lettera inviata al presidente Emiliano nei giorni scorsi, firmata anche dai sindaci di Altamura, Poggiorsini, Santeramo in Colle, Acquaviva delle Fonti, Toritto, Grumo Appula, Sannicandro di Bari, Ruvo di Puglia e Noicattaro.

La situazione più grave è proprio nei Comuni di Altamura e Gravina che, a partire da domani, torneranno a rispettare le disposizioni previste per l’area arancione (divieto di spostarsi in un altro Comune, bar e ristoranti chiusi, ecc.).

Il sindaco di Santeramo Fabrizio Baldassarre, invece, ha chiarito, come si legge su repubblica.it, che sebbene il passaggio della Puglia nell’area gialla preoccupasse un po’, «la richiesta non era tornare in zona arancione ma fare approfondimenti. La nostra situazione non è paragonabile a quelle di Altamura e Gravina». Anche il sindaco di Acquaviva Davide Carlucci ha affermato che la situazione del suo paese «non rientra nei parametri che potrebbero comportare un ritorno alla zona arancione».

Nelle scorse ore il presidente Emiliano aveva condiviso con il ministro della Salute Roberto Speranza l’ordinanza poi pubblicata ottenendo l’opinione favorevole dello stesso «sugli ulteriori interventi restrittivi che sta predisponendo rispetto ad alcune aree della Puglia».

Anche l’assessore alla Salute della Regione Puglia, Pierluigi Lopalco, ha ribadito la volontà di riportare in area arancione le zone della regione in cui la pandemia continua a creare problemi.

È arrivata, poi, la pubblicazione dell’ordinanza. Con Cassano che, per ora, resta in area gialla con 135 persone attualmente positive al Sars-CoV-2 e 8 in sorveglianza e isolamento fiduciario.