fbpx

L’Amministrazione si fa trasparente ma la cittadinanza diserta l’incontro: «raccontiamo i primi sei mesi. Non facciamoci scoraggiare dalle poltrone vuote»

di Vito Surico

in Sala Consiliare l’Amministrazione Comunale ha fatto il bilancio dei primi sei mesi di governo cittadino. Timida la risposta della cittadinanza all’incontro sulla trasparenza

All’Amministrazione Comunale bisogna dare atto di averci almeno provato.

Ma l’incontro di ieri in Sala Consiliare, che aveva come tema centrale la trasparenza e la possibilità da parte dei cittadini di porre questioni e domande, vista la pressoché nulla partecipazione da parte della cittadinanza, si è trasformato in una sorta di bilancio, senza contraddittorio, dei primi sei mesi di Amministrazione.

Anche in virtù della scarsa partecipazione all’incontro, la sindaca Maria Pia Di Medio ha ammesso, in apertura, la mancanza di comunicazione «tra la Casa Comunale e l’esterno» ma il problema dovrebbe essere risolto, nei prossimi mesi, con la creazione di un portale telematico di informazione: molto probabilmente sarà implementato il sito istituzionale del Comune con una sezione dedicata a comunicati stampa e iniziative dell’Amministrazione.

Questo per far sì che l’attività amministrativa sia il più trasparente possibile. Intanto la sindaca Di Medio ha fatto un resoconto di questi sei mesi: «nonostante le difficoltà rivenienti dalla precedente gestione commissariale e dettate dai vincoli che ingessano il bilancio comunale, ritengo che finora abbiamo fatto abbastanza. Abbiamo lavorato per realizzare piccoli interventi necessari attraverso variazioni di bilancio, che tuttavia hanno portato via tempo ai pochi dipendenti che devono gestire le tante incombenze dell’Ente. A gennaio contiamo di fare il bilancio di previsione per il nostro primo vero anno di gestione, poiché finora abbiamo dovuto attenerci a quello che abbiamo trovato».

Nel dettaglio entrano i componenti della maggioranza, «tutti molto impegnati, non solo gli assessori», analizzando i diversi interventi fatti e gli argomenti trattati a partire dalla riorganizzazione della macchina amministrativa di cui ha parlato la presidente del Consiglio Comunale Monica Calzetta. L’assessora Annamaria Caprio, nell’affermare che «tutto passa dal bilancio», ha espresso la volontà di approvare il bilancio di previsione entro il termine del 31 gennaio con una programmazione sana che garantisca una pianificazione adeguata.

L’assessore Michele Campanale ha annunciato che nei prossimi giorni si terranno degli incontri con Camera di Commercio e operatori esterni per valutare quale sia la valida alternativa per lo Sportello delle Attività Produttive (SUAP) dopo che il Comune è uscito da Murgia Sviluppo; ha poi parlato di patrimonio («è stata avviata la procedura per l’acquisizione al patrimonio comunale dell’ex Villaggio del Fanciullo che verrà utilizzato a scopi sociali. È nostra intenzione, inoltre, acquisire l’immobile pericolante in via Carlo Chimienti») e rigenerazione urbana (con il bando SISUS, il Piano per la Mobilità Sostenibile, le rotatorie, il Centro di Raccolta Comunale, il parco giochi in zona Sacro Cuore e l’allargamento di via Pellerano). Il vicesindaco Angelo Giustino ha parlato del contenzioso giudiziario ed extragiudiziario e di come il Comune stia pensando ad una campagna per le transazioni in modo da evitare le lungaggini legali. Sulla comunicazione: «faremo una ricognizione delle reti e ci doteremo di apparati software che consentano agli uffici di interloquire in maniera più efficace. Per quanto riguarda la comunicazione con l’esterno, interverremo nel prossimo anno per cercare di ridurre la distanza tra istituzioni e cittadini».

Sui servizi sociali si è soffermata la consigliera Antonella Gatti: «al momento c’è un responsabile, un assistente sociale e due amministrativi. Da gennaio ci doteremo di un nuovo assistente sociale e un altro amministrativo». Attualmente gli uffici sono impegnati per accompagnare i cittadini nella presentazione delle domande per REI (Reddito di Inclusione) e RED (Reddito di Dignità), anche attraverso convenzioni che il Comune sta sottoscrivendo con i CAF. Un aspetto davvero preoccupante, ha evidenziato la consigliera Gatti, è quello che riguarda l’emergenza abitativa: «stiamo aiutando i cittadini con i contributi per gli affitti. Faremo una ricognizione attenta e puntuale degli alloggi popolari poiché ci risulta che diversi siano assegnati a persone che non sono nemmeno residenti nel nostro Comune». Per quanto riguarda le prestazioni assistenziali con contributo economico è prevista una revisione del regolamento che porti a una migliore suddivisione del sussidio utilizzando due diverse fasce ISEE (da 0 a 3.000 euro e da 3.000 a 7.500 euro) e a una dilazione del periodo per farne richiesta che duri per tutto l’anno (attualmente scade il 31 ottobre). Il Comune intende, inoltre, istituire il Servizio Civico: «vogliamo dare dignità a coloro che hanno bisogno di denaro, consentendogli di svolgere piccole mansioni per il Comune. In modo tale che si possano sentire utili per l’intera comunità».

Con l’approvazione del Piano per il Diritto allo Studio, ha spiegato la consigliera Francesca Marsico, il Comune ha ribadito il proprio impegno per la Scuola Senza Zaino. A gennaio partirà il servizio di doposcuola per gli alunni della scuola primaria e della scuola secondaria di secondo grado che verranno individuati dagli stessi docenti. Partiranno a breve i lavori presso il plesso “Ruffo” dell’Istituto Comprensivo.

Capitolo ambiente e rifiuti: Carmelo Briano ha sottolineato come sia necessaria una raccolta differenziata di qualità che consenta maggiori introiti dalla vendita di frazioni pure e minori costi di smaltimento. È l’unica strada che potrà portare, in futuro, ad una eventuale riduzione della tassa rifiuti. Intanto il Comune è impegnato nella lotta all’abbandono indiscriminato dei rifiuti con il posizionamento di telecamere mobili nei punti sensibili del nostro territorio.

I consiglieri Filippo Panzarea e Francesco Cavalluzzi hanno parlato rispettivamente di associazioni, sport e sicurezza. L’assessora Maria Pia D’Ambrosio della manutenzione.

Altri argomenti trattati sono stati il Polisportivo (verrà presentata oggi al CONI la candidatura per rifare il PalAngelillo e in parte il PalaVitarella, per il resto si procederà con un project financing), marketing territoriale e promozione turistica, Maugeri (l’Amministrazione attende ancora risposte dalla Fondazione per capirne le intenzioni, ma preme affinché resti a Cassano).

La chiosa finale è toccata al capogruppo di maggioranza Pasquale Campanale che ha “preso atto” «che i luoghi della politica sono ormai meramente virtuali. Riceviamo continue critiche ma nessuno ha presentato una sola proposta per questa sera. Il nostro intento era quello di provare a colmare l’abisso che separa la politica dai cittadini. Volevamo proposte. Volevamo contributi costruttivi». Monica Calzetta, tuttavia, non si fa scoraggiare dallo scarso interesse dimostrato dalla cittadinanza: «l’Amministrazione deve essere una casa di vetro – ha affermato – vogliamo che i cittadini partecipino alla vita amministrativa e siano informati. Questo è il primo di una serie di incontri. Non ci facciamo scoraggiare dalle poltrone vuote».

«Vogliamo riallacciare le fila con la cittadinanza – ha concluso la sindaca Di Medio – poiché siamo gli amministratori di tutti e vogliamo un confronto sereno e costruttivo con tutti».