fbpx

Aperta per la prima volta in Puglia la procedura per l’attribuzione del titolo di “Maestro artigiano”

Con la L.R. 19 giugno 2018 n. 26 “Disciplina dell’apprendistato e norme in materia di “Bottega scuola” la Regione Puglia ha voluto promuovere e favorire, d’intesa con le associazioni di categoria del comparto dell’artigianato, progetti di valorizzazione e recupero dei mestieri dell’artigianato artistico, tradizionale e dell’abbigliamento su misura.

Insieme al recupero degli antichi mestieri, obiettivo non secondario della norma è quello di promuovere l’ingresso di giovani nei settori produttivi a rischio di estinzione e incoraggiare il ricambio generazionale attraverso lo sviluppo di produzioni di nicchia e l’interscambio di competenze tra i diversi soggetti che ne sono portatori.

La legge fissa i criteri per l’attribuzione del titolo di “Maestro artigiano”: esso è attribuito a coloro che siano titolari o siano stati titolari di imprese artigiane, regolarmente iscritte all’Albo provinciale o regionale delle imprese artigiane, ovvero ai soci di queste, purché partecipino o abbiano partecipato personalmente all’attività.

Inoltre, qualora il candidato sia ancora in attività e disponga di personale dipendente, deve assicurare l’applicazione ai lavoratori del contratto collettivo nazionale di lavoro artigiano del settore di appartenenza.

Con Atto Dirigenziale del 25 marzo, pubblicato su Sistema Puglia, è stato adottato il primo avviso pubblico per la presentazione dell’istanza per il riconoscimento del titolo di “Maestro Artigiano”.

Le domande potranno essere presentate a partire dal 4 aprile prossimo.

I relativi requisiti sono descritti nell’Atto. In sintesi, l’impresa artigiana di cui il soggetto candidato è titolare (o è stato titolare o socio lavoratore) deve essere iscritta o deve essere stata iscritta per attività del settore dell’artigianato artistico, tradizionale e dell’abbigliamento di cui al Regolamento Regionale 4 febbraio 2015, n. 3; deve avere un’anzianità di iscrizione all’Albo imprese artigiane complessivamente pari ad almeno quindici anni per il settore merceologico di attività relativamente al quale avanza la richiesta e deve possedere un adeguato grado di capacità professionale.

L’elenco aggiornato dei soggetti a cui sarà attribuito il titolo di “Maestro Artigiano” sarà pubblicato sul sito istituzionale nella Sezione dedicata del portale di Sistema Puglia.

Esprimo grande soddisfazione per questa misura, che intende conciliare la salvaguardia di attività artigianali a rischio di estinzione col richiamo dei giovani su attività lavorative non trascurabili, in quanto legate alla storia delle nostre terra e al turismo.

È quanto comunica con una nota l’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Mino Borraccino.

Fonte: Ufficio Stampa Regione Puglia – Sistema Puglia, Politiche per lo Sviluppo, Attività Economiche, Artigianali e Commerciali, Artigianato, Maestro Artigiano – Redazione Sistema Puglia