fbpx

Arriva anche a Cassano la “Piccola Libreria di Strada”

(foto Facebook)

Il Progetto delle Piccole Librerie di Strada arriva anche a Cassano delle Murge: domani, mercoledì 27 novembre, alle ore 17:00, la Piccola Libreria di Strada cassanese sarà inaugurata presso lo studio pediatrico della dott.ssa Valentina Bosco, in traversa via dei Mille 13/b.

Tutti i genitori sono invitati ad accompagnare i propri bambini con un loro libro da scambiare in un angolo di cultura riservato ai più piccoli. Perché “un bambino che legge sarà un adulto che pensa”: la dott.ssa Bosco, dunque, promuove la lettura, specie per i più piccoli, in tempi in cui la funzione educativa dell’istituzione scolastica è quotidianamente messa a dura prova e l’accesso alla cultura sembra sempre più affidato alla “rete”.

In questa situazione la lettura può essere ancora una pratica incredibilmente efficace e utile alla crescita e all’emancipazione di tutta la cittadinanza. Possedere un libro, scambiarlo, consigliarne la lettura a un amico, rappresentano gesti che rafforzano le comunità e accrescono il livello di “civiltà” delle stesse.

A partire da queste convinzioni nascono le Piccole Librerie di Strada, un’idea semplice, bella, concreta e gratuita al servizio di grandi e piccini.

Cosa sono le Piccole Librerie di Strada? Prendi un libro, lascia un libro. È questo il mantra dell’affascinante progetto che sta conquistando tutto il mondo, l’originale idea di book sharing che vede come protagoniste piccole cassettine di legno, costruite a mano, molto simili a casette in miniatura. Queste simpatiche costruzioni ospitano libri di ogni genere, titoli che ci hanno appassionato, testi che vorremmo consigliare ad amici e vicini di casa.

L’idea è partita dagli Usa, dove Todd Bol ha costruito nel 2009 la prima “Little Free Library”, una cassetta (come quelle utilizzate per gli uccelli) che ospita libri accessibili a tutti, gratuitamente; con un altro americano, Rick Brooks, ha creato la prima rete che cataloga e associa tutte quelle esistenti nel mondo. A Berlino, le Little Free Libraries sono state ricavate nei tronchi degli alberi morti, in modo da avere più spazio e da simulare una vera e propria biblioteca naturale a impatto zero, la cosiddetta Book Forest. In Islanda, a Reykjavík, dal 2013 ce n’è una nei pressi di parco Tjörnin, vicino alla statua commemorativa dell’artista Bertel Thorvaldsen.

Dopo un primo tentativo in piazza Garibaldi, quando fu creata la prima Little Free Library cassanese nel GiardiLeo a cura di Legambiente e del Leo Club, il progetto torna a Cassano delle Murge, con il lavoro di ideazione, costruzione e promozione dell’Arci Cafiero di Barletta e degli artigiani digitali del “GrowLab” che, unendo creatività, nuove tecnologie e promozione culturale, personalizzano le graziose “casette” in legno che ospiteranno i libri liberamente fruibili.

Grazie alla raccolta di testi a cura di Bluwave, collettivo culturale già attivo nella promozione del “book crossing”, le Piccole Librerie di Strada si presenteranno sin da subito piene di libri pronti ad essere letti e scambiati, e intorno ad esse saranno promossi reading e manifestazioni culturali.

Una volta apposta la “casetta”, i promotori del progetto e gli aderenti saranno impegnati nel coinvolgimento dei cittadini che potranno donare un libro alla piccola libreria e, se lo si desiderano, prenderne in cambio uno nuovo.

Ogni casetta adottata, in cambio di una donazione simbolica, riporterà il logo del donatore e il nome del progetto. Lo scopo di queste “piccole librerie di strada” è proprio quello di riempire ogni angolo delle città di cultura, incentivando lo scambio di libri e la lettura a costo zero.