fbpx

Atletico Cassano fuori dalla Coppa Italia. Mastrocesare: «obiettivo mancato, dobbiamo smaltire subito la delusione»

di Vito Surico

Barbosa servito in area da Kiko per la rete del momentaneo 4-3 a favore dell'Atletico Cassano
Barbosa servito in area da Kiko per la rete del momentaneo 4-3 a favore dell’Atletico Cassano

L’Atletico Cassano è fuori dalla Coppa Italia: obiettivo mancato, ieri, martedì 26 gennaio, nella gara valida per il secondo turno del triangolare degli ottavi di finale. I biancoazzurri, dopo la sconfitta per 7-5 in quel di Grassano (contro il Comprensorio Medio Basento), hanno perso, con lo stesso risultato, al PalAngelillo contro il Venafro Calcio a 5.

Occasione mancata, per gli uomini di mister Mastrocesare che, ancora una volta, non hanno saputo concretizzare molte delle occasioni avute, complice la bravura del portiere avversario, ed hanno subito le micidiali ripartenze degli ospiti.

Solita formazione per mister Mastrocesare che schiera Grieco tra i pali, Sciannamblo, Lestingi, Vera e Kiko nello starting five. Prima occasione per l’argentino che, da poco fuori area, fa la barba al palo. La risposta del Venafro passa per i piedi di Cimino che non è più preciso. Se Kiko è fermato da Di Vito, Grieco si oppone a La Bella e, sugli sviluppi del corner, Cimino manda ancora al lato.

Vera, poco dopo, non centra lo specchio della porta, come pure dall’altra parte, Nardolillo. Un minuto dopo, Grieco è chiamato agli straordinari su Cimino e sempre Nardolillo fa tremare la traversa con un bolide da fuori area.

Ma è l’Atletico Cassano a passare in vantaggio, al 5′, con Lestingi che insacca la gran palla servitagli in area da Sciannamblo: il numero 7 salta anche Di Vito e sblocca la gara.

I molisani non ci stanno e rispondono con Nardolillo, fermato per due volte da Kiko, ma bravo a farsi trovare al posto giusto, al centro dell’area, sugli sviluppi di un corner battuto da Cimino: all’8′ è 1-1.

Ancora tre minuti e l’Atletico Cassano si riporta in vantaggio con Barbosa che, defilatissimo sulla destra, insacca un passaggio di Lestingi servito da Vera dopo un gran recupero.

Grieco, in uscita, neutralizza i tentativi di La Bella e Bagnoli. Poi i biancoazzurri provano a spingere e cercano il gol con più insistenza: Kiko sfiora il palo, Barbosa calcia su Di Vito, la difesa ospite respinge i tentativi di Sciannamblo e ancora del brasiliano, anche Panarella è chiuso quasi sulla linea di porta. Ancora Sciannamblo: solo esterno della rete.

L’Atletico Cassano sbaglia tanto e il Venafro punisce: Nardolillo riparte e dà in area a Cimino la palla del 2-2 al 26′. Occasioni da una parte e dall’altra: Di Vito blocca un tiro dalla distanza di Vera, Grieco si oppone a La Bella, ancora duello Di Vito-Vera vinto dal portiere ospite che fa ripartire Nardolillo che non sbaglia: al 28′ gli ospiti si portano in vantaggio.

L’Atletico chiude in attacco: Kiko e Lestingi sono fermati da Di Vito, ma è di Nardolillo l’ultima occasione del primo tempo: fuori di poco.

In avvio di ripresa, mister Mastrocesare rivoluziona il quintetto: in campo ci sono, con Grieco, Vera, Kiko, Panarella e Barbosa. E l’Atletico Cassano trova subito il gol con Panarella. Grieco chiude lo specchio a La Bella, Kiko è fermato prima da Di Vito, poi inventa per Barbosa che, ben appostato in area, non può sbagliare e riporta in vantaggio i biancoazzurri.

Al 6′ arriva anche il gol del 5-3, a firma di Vera, che ribatte in rete una respinta di Di Vito su un tiro di Panarella. L’argentino ci prova ancora poco dopo, ma non è fortunato.

Il trio sudamericano dell’Atletico Cassano insiste ma i tentativi dei tre sono sempre imprecisi o neutralizzati da Di Vito. Dopo un tiro di Sciannamblo, bloccato dal portiere ospite, il Venafro riparte e colpisce ancora portandosi sul 5-4 con Bagnoli.

L’Atletico Cassano deve far gol, servono almeno due reti di scarto per mantenere vive le speranze di passaggio del turno: è il 18′ quando mister Mastrocesare inserisce Lestingi per Grieco nel ruolo di quinto uomo di movimento. Ma tutti i tentativi dei biancoazzurri sono vani: Di Vito si oppone a Barbosa (in tre occasioni) e Sciannamblo. Nardolillo è fermato dal palo che, dalla parte opposta, nega il gol a Kiko e ancora a Barbosa, mentre Sciannamblo manda nuovamente sull’esterno della rete.

Al 28′ la doccia fredda: i molisani trovano il gol del pareggio con Nardolillo, fulminante in ripartenza. L’Atletico Cassano prova a riorganizzarsi ma si espone troppo e, al 30′ e al 32′, subisce i gol di Delli Carpini e La Bella che condannano i biancoazzurri all’eliminazione.

LA VOCE DEI PROTAGONISTI

Angelo Mastrocesare (foto di Annarita Mastroserio)
Angelo Mastrocesare (foto di Annarita Mastroserio)

Andare avanti il più possibile nella fase nazionale di Coppa Italia era uno degli obiettivi della società. Sogno svanito, però, già nel triangolare, valido per gli ottavi di finale. Due gare “strane”, finite entrambe con la sconfitta dell’Atletico Cassano per 7-5.

Le analizziamo con mister Angelo Mastrocesare: «abbiamo sbagliato soprattutto nella partita di martedì scorso, a Grassano, contro il Comprensorio Medio Basenti: esserci portati in vantaggio di due gol nei primi minuti ci metteva nella condizione di gestire la gara, avremmo potuto portare a casa il risultato e, di conseguenza, riposare per un turno, per giocarci il passaggio alla fase successiva dopo due settimane. Purtroppo però siamo stati un po’ superficiali dopo il 2-0 ed abbiamo subito i gol avversari fino al passivo di 5-2. Con sacrificio abbiamo raggiunto il pareggio ma abbiamo commesso lo stesso errore: abbiamo pensato che si potesse vincere ma non abbiamo gestito bene mentalmente il momento. Credo che siamo stati penalizzati oltremodo. Ieri, invece, abbiamo giocato contro una buona squadra che ha potuto sfruttare le condizioni ideali (pur essendo fortemente rimaneggiati): ci hanno aspettato, hanno fatto difesa e approfittato dei nostri errori. Noi, invece, eravamo in difficoltà, anche dal punto di vista mentale: si doveva rincorrere la vittoria a tutti i costi, e possibilmente ampia. A inizio ripresa abbiamo fatto bene ribaltando il risultato e portandoci sopra di 2 gol. Finire la partita con 3 gol di scarto ci dava ancora qualche speranza, ma sul 5-3 abbiamo preso il gol che non ci ha permesso di continuare a sperare. Abbiamo provato subito con il portiere di movimento e potevamo far gol già nelle prime azioni ma non l’abbiamo fatto. E questo è un altro aspetto su cui dobbiamo lavorare: creiamo tantissime occasioni ma ne realizziamo davvero poche. Questo ci penalizza. Poi se ti scopri e cerchi il risultato a tutti i costi fai errori in possesso e prendi troppe inevitabili ripartenze. Ecco, ultimamente ne stiamo subendo troppe».

Bisogna archiviare subito la delusione per la Coppa e tornare a pensare al campionato: «dobbiamo smaltire subito, a livello mentale, questi risultati – continua l’allenatore dell’Atletico Cassano – certo, ci tenevamo tutti ad andare avanti, sarebbe stato un prestigio per tutti. Anche ieri ci tenevamo a fare bella figura e un buon risultato. Ma è pur vero che a gennaio abbiamo giocato 6 partite in 15 giorni (tra campionato e Coppa, dal 9 al 26 gennaio): è stato un tour de force anche dal punto di vista fisico. Ora serve dimenticare quanto prima, siamo consapevoli di aver mancato un obiettivo ma non ci possiamo permettere di mancarne un altro, che credo sia quello fondamentale: la promozione in Serie B. Dobbiamo rimboccarci le maniche già da domani per capire anche cosa non è andato in questo periodo e cercare, già da sabato, di ritrovare i giusti equilibri».

E sarà il Trulli&Grotte, squadra affrontata in finale di Coppa Italia, il prossimo avversario dell’Atletico Cassano. Una partita non certo semplice, anche vedendo l’andamento della gara disputata a dicembre: «credo che ci affronteranno come hanno fatto in Coppa – conclude mister Mastrocesare – con tenacia e aggressività e cercheranno di sfruttare le ripartenze. Troviamo sempre squadre abbastanza chiuse, che ci aspettano e, giustamente, cercano di sfruttare i nostri errori e di punirci in ripartenza. Dobbiamo tornare ad essere più equilibrati. Il Trulli&Grotte sarà un avversario ostico ma sappiamo che è una partita fondamentale per smaltire delusione. Dobbiamo affrontarla al meglio».

I TABELLINI

ATLETICO CASSANO – VENAFRO CALCIO A 5 5-7 (p.t. 2-3)

ATLETICO CASSANO: Genchi, Vinciguerra, Vera, Volarig, Lestingi, Lemonache, Kiko, Sciannamblo, Grieco, Barbosa, Bellantuono, Panarella. Allenatore: Angelo Mastrocesare

VENAFRO CALCIO A 5: Di Vito, Nardolillo, Cimino, Bruno, Bagnoli, La Bella, Delli Carpini. Dirigente accompagnatore: Ernesto Cardarelli

ARBITRI: Ruggiero Chiarello di Barletta e Arrigo D’Alessandro di Policoro

MARCATORI: Lestingi (AC) – Nardolillo (VC5) – Barbosa (AC) – Cimino (VC5) – Nardolillo (VC5) – Panarella (AC) – Barbosa (AC) – Vera (AC) – Bagnoli (VC5) – Nardolillo (VC5) – Delli Carpini (VC5) – La Bella (VC5)