fbpx

Attualità e prospettive di un anno memorabile nel talk show degli studenti dell’IISS Leonardo da Vinci

di Alessandra Scatigna

i “conduttori” Giammattia Soleti e Maria Teresa Fazio intervista il dirigente scolastico dell’IISS Leonardo da Vinci Claudio Crapis durante il talk show “Scuola 4.0 – Cronaca in quarante”

Ieri, 9 aprile 2020, alle ore 18, un pubblico composto da varie fasce d’età e da differenti paesi di provenienza, si è sintonizzato sulla pagina Facebook del liceo Leonardo Da Vinci di Cassano, in cerca di un po’ di compagnia ma anche incuriosito dagli argomenti che di lì a poco si sarebbero trattati nell’imminente diretta.

Il talk show, presentato dai ragazzi, che s’atteggiavano a giornalisti, e coordinato dal docente Vito Mele, è stato ricca di ospiti che hanno parlato di attualità e hanno presentato come la scuola si stia effettivamente adattando alle nuove metodologie didattiche.

Il primo a prendere parola sull’argomento è proprio il preside del liceo, il professor Claudio Crapis, che ci annuncia con rammarico il probabile definitivo non rientro a scuola e che, tutte le difficoltà riscontrate nell’attuazione della didattica a distanza, sono state ormai superate grazie alla cooperazione di professori con alunni. A confermare tale superamento è Elio Racano, insegnante di scienze, che proietta sugli schermi dei nostri strumenti tecnologici un video illustrativo di come vengono svolte le lezioni e le interrogazioni abituali: «Certo, all’inizio è difficile abituarsi a non vedere più le facce disinteressate degli studenti, ma pian piano ci si riesce a rendere conto della grande fortuna che abbiamo nel possedere tecnologie che permettano una quotidiana routine in tempi così fuori dal normale».

In seguito i ragazzi hanno intervistato don Rocco D’Ambrosio, ponendogli una domanda a cui tutt’ora non si riesce a trovare una risposta: il mondo scientifico e quello religioso sono perennemente in contrasto o possono realmente trovare un punto d’incontro? Scienza e fede possano di fatto coesistere, ha risposto il sacerdote: l’una concentrandosi sul fornire le cause e le soluzioni della pandemia che ci sta affliggendo, l’altra proiettandosi sulla sfera del ‘perché’ determinate vicende accadano e quindi soddisfacendo domande di tipo esistenziale. Don Rocco D’Ambrosio ha risposto anche ad una domanda sul ruolo dell’Europa in questa emergenza affermando che «l’Europa è fondata sulla solidarietà, e pertanto si salva insieme».

la selezione musicale del dj Pierpaolo Spinelli durante una pausa del talk show “Scuola 4.0 – Cronaca in quarantena”

Dopo una breve pausa musicale, gestita dal giovane dj Pierpaolo Spinelli, si procede con l’intervento di Alessio Perniola, ex studente del liceo e divulgatore scientifico, che ci parla del festival di CassanoScienza che si sarebbe dovuto tenere la scorsa settimana. Il festival, nato dalla sinergia tra il liceo e l’associazione Multiversi e sviluppatosi attorno al tema centrale delle apparenze, avrebbe dovuto spegnere quest’anno la sua settima candelina. Sotto la grande tematica ci sarebbe stato, svela Perniola, un altro collegamento all’apparenza del mondo scientifico. Quello a cui avremmo assistito sarebbe stato un CassanoScienza un po’ più in “rosa”, poiché avrebbe dimostrato come il contributo femminile nel mondo delle scienze sia stato e sia ancora fondamentale per il suo progresso.

l’intervento di Alessio Perniola, fondatore di “Multiversi” che, con l’IISS “Leonardo da Vinci” organizza CassanoScienza

Si passa poi alla scrittrice Eva Cantarella, ospitata già qualche mese fa tra le mura dell’auditorium del Leonardo Da Vinci e autrice del libro ‘Gli inganni di Pandora’. Cantarella ci riporta in un mondo antico, dove la πόλις (polis) di Atene è afflitta dalla peste, abbattutasi su di essa come punizione per i continui soprusi e maltrattamenti a madre natura, che ci ricorda tanto il periodo che siamo costretti a vivere.

Come ultimo ospite della diretta, il prof. d’italiano Raffaele Fiantanese racconta e fa raccontate ai veri protagonisti di questo progetto, nato tre anni fa ma che è in continua espansione, come sia stata partorita l’idea di creare un giornalino scolastico online, dove gli studenti possano esibire le loro capacità extracurricolari e dove possano sentirsi a loro agio in uno spazio proprio.

L’incontro si conclude con gli auguri pasquali e con l’appuntamento al prossimo giovedì sulla stessa piattaforma.

Cassanesi, è chiaro come la situazione in cui siamo stati violentemente catapultati colpisca i cittadini di tutte le età, dai più grandi ai più piccini, com’è chiara anche la voglia che tutti noi abbiamo di uscire di casa per prendere una boccata d’aria o due. Ma l’unico modo che abbiamo per uscire definitivamente da questa terribile e difficile fase è riporre la speranza nel senso civico di ognuno di noi e nel rispettare ossequosiamente le regole, come ci tiene anche a precisare il sindaco Maria Pia Di Medio all’inizio della diretta. Riusciremo a sconfiggere questo virus, trionferemo, ma come cita il detto: “Roma non fu costruita in un giorno”. Perciò, rimanete a casa, perché adesso è il momento di resistere.