fbpx

Centro Storico: prove di dialogo tra residenti e Amministrazione Comunale

di Vito Surico

in piazza Ruffo l’incontro tra l’Amministrazione Comunale e il Movimento Cittadino dei Residenti del Centro Storico

Tutti d’accordo: in un paese come Cassano delle Murge che aspira a vivere di turismo o, almeno, ad avere nel turismo la sua principale risorsa (economica e sociale), il Centro Storico ha bisogno di tornare a vivere e, soprattutto, di essere pulito e presentabile.

È quanto emerso durante l’incontro fortemente voluto dal Movimento Cittadino dei Residenti del Centro Storico di Cassano delle Murge con l’Amministrazione Comunale rappresentata, per l’occasione, dalla sindaca Maria Pia Di Medio, dagli assessori Annamaria Caprio e Michele Campanale e dalla presidente delle seconda commissione consiliare permanente Francesca Marsico.

È stata proprio la prima cittadina, in una piazza Ruffo tirata a lucido per l’occasione, con dei bei “centrini” a fare da cornice, ad aprire l’incontro affermando che la sua Amministrazione ha già avviato «l’iter per effettuare una serie di interventi dal punto di vista strutturale e della vivibilità».

La sindaca Di Medio ha dovuto ammettere che i cittadini che abitano nel Centro Storico hanno «ragione nel recriminare» per le condizioni in cui versa il Paese Vecchio: mancanza di sicurezza, sporcizia, abbandono dei rifiuti, degrado generale, abusivismo abitativo, affitti impossibili, ragazzi maleducati e senza rispetto per la cosa pubblica (oltre a bottiglie di alcol abbandonate sulle finestre delle abitazioni, alcuni sono stati anche “beccati”, hanno lamentato i residenti, a praticare atti sessuali per le vie di Cassano Vecchia), lontananza delle Istituzioni.

Questi sono solo alcuni dei problemi sollevati dai cittadini del Centro Storico ai quali la sindaca Di Medio ha provato a dare timide risposte: «per quanto riguarda la pulizia, presto si provvederà con una spazzatrice a secco il cui acquisto è stato ritardato dal cambio di gestore del servizio di raccolta rifiuti. È necessario, però, sensibilizzare anche alcuni soggetti che non conferiscono in maniera corretta. È per questo che vi chiedo fronte comune – ha affermato la sindaca – e vi chiedo aiuto nella divulgazione delle buone pratiche».

Cosa che i residenti del Centro Storico già fanno, ma spesso è inutile: spesso chi passa dal centro storico per una semplice passeggiata, non trovando appositi cestini o per maleducazione, non si fa scrupoli a gettare carte, bottiglie e lattine per strada o, peggio, lasciarli sugli scalini o sui davanzali delle finestre delle abitazioni. Per non parlare, poi, di chi utilizza i cestini distribuiti nel centro storico per portarci i sacchetti della spazzatura.

Problematiche che, per quanto possano essere affrontate con la sensibilizzazione e il richiamo alla responsabilità ai passanti da parte dei residenti, necessitano di una forte azione da parte di chi amministra: secondo il Movimento Cittadino dei Residenti del Centro Storico serve un serio controllo sulle residenze. Alcune sono prive di acqua e corrente con contratti d’affitto in nero, alcuni abitanti non sono nemmeno in possesso dei bidoncini della raccolta differenziata.

Da questo punto di vista, ha chiarito la dott.ssa Di Medio, «è stato effettuato un censimento delle abitazioni e, per quelle in stato di abbandono, stiamo cercando di rintracciare i proprietari per costringerli a metterle in sicurezza e bonificarle valutando anche sanzioni per chi non effettua quanto richiesto e, nei casi limite, l’acquisizione al Patrimonio Comunale».

Per quanto riguarda la sicurezza, i residenti chiedono maggiore attenzione da parte delle Istituzioni: non più sorveglianza, ma più controllo affinché atti vandalici, maleducazione e quant’altro vengano arginati prima ancora che sia necessario “intervenire per riparare”.

Una maggiore presenza della Polizia Municipale farebbe sentire più sicuri i residenti ma, soprattutto, servirebbe la certezza della sanzione.

Il problema “atavico”, però, del nostro Comune è l’organico ridotto di Polizia Municipale ma l’assessora Caprio ha annunciato che presto verrà adottata una delibera per l’assunzione di due nuove unità e ci si avvarrà di una convenzione con l’ANPANA (Associazione Nazionale Protezione Animali Natura Ambiente) per il controllo periodico sul territorio e sull’ambiente che coinvolgerà anche il Centro Storico. È prevista, inoltre, l’installazione di nuove lanterne per la pubblica illuminazione che garantiscano più luce nel Paese Vecchio durante le ore serali e c’è un regolamento per la gestione delle piazzette del Centro Storico da parte dei cittadini.

Tra le azioni che il Movimento Cittadino dei Residenti del Centro Storico intende intraprendere a breve per valorizzare Cassano Vecchia, c’è proprio l’adozione di due piazzette da abbellire e addobbare proprio come è stato fatto con piazza Adua e piazza San Pietro durante la Festa Patronale. Non solo: con l’inizio della scuola, sarà indetto un concorso fotografico per bambini e ragazzi affinché gli stessi riscoprano il Centro Storico, le sue peculiarità, gli angoli più nascosti e suggestivi. È prevista anche l’indizione di nuovi concorsi per balconi addobbati. Ma è anche necessario, affermano a ragione i residenti del Centro Storico, il disciplinamento del transito delle auto e propongono una convenzione con la vigilanza privata affinché ci siano maggiori controlli.

Insomma, la volontà da parte dei cittadini che abitano Cassano Vecchia c’è: vogliono un paese migliore e più bello in cui vivere. L’Amministrazione Comunale si affida anche a loro, «al senso civico dei cittadini», ha affermato l’assessora Caprio: «segnalate agli organi preposti».

Certo, però non basta. Il Comune deve metterci del suo e provare, davvero, a pensare a Cassano delle Murge come “Perla della Murgia”: a partire dal Centro Storico ma senza trascurare la natura che circonda il paese, l’ambiente e le tante altre zone che, come emerso in diversi off topic dell’incontro di ieri sera, hanno sicuramente bisogno di essere trattate meglio.

da sinistra: gli assessori Michele Campanale e Annamaria Caprio, la presidente della seconda commissione consiliare Francesca Marsico, la sindaca Maria Pia Di Medio e, in rappresentanza del Movimento Cittadino dei Residenti del Centro Storico, Renzo Cecca, Michele Fracchiolla e Rocco Lofrese