A Parigi, il 7 marzo scorso, nella sede dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE), si è tenuto il 1° Forum “Città e regioni per l’attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU al 2030”. Il contributo di regioni, province, comuni è essenziale per il raggiungimento degli obiettivi fissati in sede ONU nel 2015.

L’evento mira a stimolare il confronto tra i diversi attori coinvolti in questo processo e, prendendo ispirazione dai primi risultati di uno studio dell’OCSE condotto su 7 realtà locali e regionali pilota, si è focalizzato sui seguenti aspetti:

  • il ruolo degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS) nella definizione delle politiche pubbliche, delle priorità di azione amministrative, nella definizione dei bilanci degli enti pubblici e nella programmazione di lungo termine;
  • l’importanza di coinvolgere gli stakeholders locali, le aziende e i cittadini che possono agire come “attori del cambiamento”;
  • l’identificazione di un sistema di monitoraggio del grado di realizzazione degli OSS, che sia uniforme per le diverse realtà locali;
  • una riflessione sulle risorse finanziarie necessarie a raggiungere i 17 OSS, stimate in 6,3 trilioni di dollari, un ammontare irraggiungibile per le sole risorse finanziarie pubbliche esistenti a livello regionale, nazionale ed internazionale e per cui, quindi, occorre individuare forme innovative di finanziamento e promuovere le opportune sinergie con gli investimenti provenienti dal settore privato.

Fonte: Europuglia