fbpx

«Cominceranno senza ritardi le lezioni del 18 settembre anche per i ragazzi della scuola secondaria di primo grado»

dall’Amministrazione Comunale di Cassano delle Murge

il plesso di via Mameli dell’Istituto Comprensivo “Perotti-Ruffo” (foto d’archivio)

L’avvio dei lavori di riqualificazione della Scuola Media sta impegnando non poco questa Amministrazione poiché detti lavori, interessando tutte le aule e non avendo a disposizione locali alternativi, coinvolgono complessivamente l’attività scolastica (curricolare ed extracurriculare), l’organizzazione delle famiglie e le attività sportive e/o culturali extrascolastiche dei nostri ragazzi.

Punto fermo, ed imprescindibile come più volte ribadito ai genitori degli alunni frequentanti, è sempre stato quello di escludere i doppi turni così come da loro richiesto.

Secondo il nostro programma, l’intento era quello di effettuare almeno gli interventi “interni” durante l’estate per far sì che le lezioni potessero riprendere regolarmente, nel pieno rispetto delle direttive ministeriali e senza alcun disagio per i ragazzi, i docenti e le famiglie. Si trattava, a nostro avviso, di una procedura molto snella e senza particolari difficoltà, in grado di potersi concludere in tempi utili per l’inizio del nuovo anno scolastico.

La procedura di gara, caratterizzata dal lavoro sollecito e puntuale della commissione che nulla ha a che vedere con la contaminazione politica, può essere condizionata da incognite quali necessità di rivalutazioni, ricorsi di altre ditte, ecc, situazioni che pertanto ribadiamo, non sono dipendenti dalla volontà dell’Amministrazione. Non è ancora possibile adottare alcun atto di aggiudicazione perché è giunto un preavviso  di ricorso da parte della seconda ditta classificata pertanto bisogna completare le valutazioni del caso.

Questo è il motivo per cui era impossibile, sebbene ci sia un cronoprogramma dei lavori presente anche agli atti sul sito del Comune, fornire una data precisa di inizio dei lavori.

Lo ricordiamo, tali interventi riguardano la riqualificazione della struttura e la ridistribuzione degli spazi interni attraverso la rifunzionalizzazione degli stessi con alcune opere murarie (spostamento di alcuni tramezzi), la messa a norma dell’impianto antincendio e di quello elettrico, e il ripristino delle impermeabilizzazioni. Inoltre, per l’isolamento termico, sarà realizzato il cosiddetto “cappotto”.

Il nostro ottimismo e la fiducia nella correttezza delle procedure oggi si scontrano con le tempistiche che non ci permettono in nessun modo di slittare i lavori nemmeno di un mese (perché le attività scolastiche non possono subire variazioni). Il sindaco ha sempre affermato che non ci poteva essere nessun “piano B”: o i lavori venivano eseguiti entro la pausa estiva oppure bisognava rinviare.

Pertanto ad oggi si rende necessaria una ulteriore richiesta di proroga per cui non dovrebbero esserci problemi (per questo abbiamo già preavvisato gli uffici regionali) e le lezioni inizieranno senza ombra di dubbio il giorno 18 settembre.

Sarà nostro onere trasferire gli arredi ed effettuare i lavori di messa in sicurezza per consentire la regolare fruizione degli ambienti scolastici entro l’inizio del nuovo anno scolastico.

Stiamo provvedendo sia all’acquisto degli arredi finanziati dal progetto che a quelli finanziati con risorse comunali (come da DGC del 31 luglio u.s.).

Inoltre, l’ingegnere comunale Domenico Satalino, nella giornata di domani martedì 27 agosto, effettuerà un ulteriore sopralluogo per determinare l’ordine di esecuzione dei lavori per la messa in sicurezza.

Riteniamo che tutte le polemiche che ci sono o che ci saranno, lasciano il tempo che trovano. La cosa importante è che nei lavori pubblici gli interventi siano fatti correttamente. La sicurezza e il diritto all’istruzione sono cardini imprescindibile per noi.