fbpx

Controlli sui rifiuti: nuova comunicazione dell’Assessore Briano

i contenitori per la raccolta differenziata porta a porta in uso a Cassano delle Murge (foto d’archivio)

L’Assessore alle Politiche Ambientali del Comune di Cassano delle Murge, Carmelo Briano, ha diramato nella mattinata di oggi un nuovo comunicato che fa seguito a quello già diffuso lo scorso 5 luglio.

Nella sostanza, Briano ripete quanto già affermato in quell’occasione in merito ai controlli avviati (se ne sono tenuti di nuovi nelle giornata di ieri, 11 luglio, oltre a quelli del 1° e del 4 luglio) ribadendo che le impurità riscontrate nella frazione plastica e lattine e in quella organica portano ad un aumento dei costi di smaltimento e a un conseguente incremento della tariffa, stando alle franchigie contrattuali.

Pertanto, a seguito dei controlli effettuati nelle suddette giornate, si è provveduto ad elevare sanzioni.

«Tale tipologia di controlli sarà estesa su tutto il territorio comunale – scrive Briano – e su tutte le frazioni conferibili, sia porta a porta che presso la piattaforma attrezzata a centro di raccolta rifiuti».

Le prime sanzioni hanno sollevato l’ira di molti cittadini che su Facebook hanno espresso la propria rabbia per la multa ricevuta anche per un’inezia. Situazione resa ancora più grave dal fatto, constatato dagli stessi cittadini sul gruppo Facebook “Cittadini di Cassano delle Murge” che molte delle zone intorno al paese (dalla Foresta Mercadante al Costone di Bruno, per non parlare dei cestini colmi nei giardini pubblici o dei rifiuti abbandonati agli angoli delle strade). Una situazione per molti inaccettabile vista l’entità della tassa rifiuti che i contribuenti pagano.

E resta ancora da capire perché non si proceda, prima di sanzionare, a un’ulteriore azione di sensibilizzazione della cittadinanza e magari anche chiarimenti per chi ne avesse bisogno.

Nella nota diramata oggi, Briano torna anche sulla questione dei mezzi di raccolta bloccati presso il centro nella Zona Industriale per la presenza di anomalie radiometriche: «i giorni 30 maggio e 28 giugno 2017 – scrive – la Società Impianto Progetto Gestione Bari Cinque S.r.l. di Conversano ha rilevato la presenza di anomalie radiometriche in due autocompattatori in esercizio per il Comune di Cassano delle Murge trasportanti la frazione secca residua dei rifiuti urbani comunali, in conferimento al proprio impianto di Contrada “Martucci” dove è installato un portale per la rilevazione delle anomalie radiometriche. La società ha quindi provveduto, secondo la normativa vigente e in applicazione della Delibera di Giunta Regionale 1096/2012, ad informare dell’accaduto gli Enti di controllo oltre ai proprietari degli automezzi e al blocco dei mezzi per la relativa sicurezza. Le anomalie radiometriche sono risultate causate da sacchetti contenenti pannoloni per adulti probabilmente utilizzati da pazienti sottoposti a terapia metabolica o a diagnostica e risultati contaminati da IODIO 131. La quantità delle dette sostanze radioattive rinvenute al momento del conferimento dei r.s.u. presso le relative discariche non costituisce in alcun modo motivo di allarme per la salute pubblica – trattandosi di sostanze a scopo sanitario che dimezzano la loro efficacia in tempi brevi e non causano inquinamento ambientale.
È stata già sollecitata la ASL Bari affinché provveda a predisporre una circolare indirizzata ai medici di base ed ai pazienti per informare sulle modalità di smaltimento di occasionali rifiuti che presentino tracce radioattive che attualmente non devono essere conferiti nei contenitori di raccolta urbana».

La nota di Briano si conclude con l’invito a «tutta la cittadinanza a sentirsi partecipe della “cosa” Comune osservando le regole della raccolta differenziata al fine di assicurare alla nostra Città livelli di decoro, igiene e civiltà degni di una comunità evoluta e scongiurare un incremento della tariffa individuale».