fbpx

Covid-19: rinviato l’arrivo dell’Unità Mobile della ASL per effettuare i tamponi

(foto Google)

Era previsto per oggi l’arrivo dell’Unità Mobile della ASL di Bari per effettuare i tamponi a seguito dell’aumento del numero dei contagi da Covid-19 a Cassano delle Murge.

L’Unità Mobile, la cui presenza era prevista anche dall’ordinanza della sindaca Maria Pia Di Medio, avrebbe dovuto essere installata nell’area mercatale o in piazzale Tampoia, ma erano luoghi indicativi che la ASL ha ritenuto poco sicuri, pertanto «non si è ancora giunti, con la ASL, all’individuazione di un sito ove ubicare la postazione prevista per l’esecuzione dei tamponi a Cassano, che possa garantire certezza di sicurezza e di sufficiente distanziamento dalle abitazioni onde evitare possibilità di contagi».

A darne notizia è proprio la sindaca Di Medio con un post pubblicato sulla pagina Facebook del Comune di Cassano delle Murge: «si sta procedendo ad esaminare diverse possibilità con l’esecuzione di sopralluoghi – continua la prima cittadina – sarà mia cura dare tutte le informazioni necessarie appena vi saranno certezze».

Per quanto riguarda, invece, l’accesso ai tamponi, Di Medio precisa che non verranno effettuati test “a tappeto” ma «sarà necessaria una corretta valutazione da parte del proprio medico di famiglia prima di essere sottoposti al tampone che viene indicato solo in casi di situazioni molto sospette sia di contatti sia di sintomi».

A commento del citato post, inoltre, il vicesindaco Angelo Giustino chiarisce anche che «la ASL Ba, onde evitare pericoli ed assembramenti, ha comunicato al Sindaco di optare rispetto all’unità “mobile” inizialmente proposta, per un luogo FISICO NON nel centro abitato.

A questa richiesta abbiamo proposto diverse alternative rispondenti ai requisiti richiesti ed ora attendiamo DETERMINAZIONI delle Autorità Sanitarie».

Per quanto riguarda la situazione dei contagi da Covid-19, a Cassano la situazione resta stabile con un numero di attualmente positivi al Sars-CoV-2 tra gli 11 e i 20 casi (come da Bollettino Epidemiologico ufficiale della Regione Puglia). Numeri più precisi non sono stati ancora comunicati dalla Prefettura al Comune (restano, dunque, i numeri comunicati dall’Ente qualche giorno fa: 17 persone positive e 35 in isolamento fiduciario). Un cassanese, inoltre, come comunicato dalla sindaca Di Medio durante il Consiglio Comunale dello scorso 28 settembre, sarebbe ricoverato non in gravi condizioni.