fbpx

Domenica 10 maggio: cimitero e giardini pubblici chiusi, negozi aperti. Santorsola: «i controsensi della Di Medio»

uno dei cartelli che vietano di sedersi sulle panchine in piazza Garibaldi, a cui fa riferimento il capogruppo Teodoro Santorsola nel post pubblicato sulla pagina Facebook del gruppo PrimaVera Cassano (foto Facebook per gentile concessione di Leonardo Basile)

Citando Fabio Concato, la prima domenica della fase 2 a Cassano delle Murge è, per il capogruppo di PrimaVera Cassano Teodoro Santorsola una «domenica bestiale!».

Sulla pagina Facebook del suo gruppo consiliare, Santorsola definisce Cassano «il paese dei paradossi»: un paese in cui, scrive, «si professa e si strombazza la necessità della prudenza, tanto da giustificare l’ingiustificabile chiusura del cimitero, ma si consente l’apertura degli esercizi commerciali per domenica 10 maggio. Come se, insomma, l’emergenza Covid-19 a Cassano fosse d’incanto terminata!».

Non solo cimitero chiuso, però, anche i giardini pubblici e i parchi sono interdetti all’accesso dei cittadini: «si appostano cartelli alle panchine dei giardini comunali per impedire a qualche anziano di sedersi. Campeggia la scritta “vietato sedersi”, senza preoccuparsi, invece, di pulire e sanificare i sedili dei parchi cittadini».

Santorsola, però, al di là del divieto di accedere a parchi e giardini pubblici, sottolinea lo stato in cui gli stessi versano: «che paese è – chiede retoricamente – quello in cui non sono curati i giardini pubblici, un luogo sacro (cimitero) e non si effettua la sanificazione, ma si consente alla gente di andare in giro con le carenze igieniche evidenziate?».

Insomma, per Santorsola quelli della sindaca Di Medio sono «difformi comportamenti [che] non fanno altro che aumentare le tante perplessità che albergano nei cittadini e, soprattutto, in tutti quei lavoratori degli esercizi commerciali che quotidianamente devono tener testa all’aumento dei flussi dei clienti.

In Puglia i casi di contagio, proprio in questi ultimi giorni, sono purtroppo in aumento, ma tale dato sembra sfuggire alla Di Medio».

Per oggi dunque è possibile andare a fare la spesa, ma non una passeggiata in “villa” o nei diversi parchi gioco comunali, ancora chiusi in questa fase 2. Da domani, però, sarà possibile recarsi al cimitero come annunciato dalla prima cittadina nella scorsa settimana, e come sollecitato, prima che la sindaca Di Medio ne ufficializzasse la riapertura, proprio dai gruppi consiliari di opposizioni.

«C’è da augurarsi – conclude Santorsola – che alla riapertura, il cimitero sia in condizioni dignitose come merita un luogo così sacro».