fbpx

Domenica Ecologica: cittadini, giovani, mamme, associazioni e Comuni in rete contro l’incuria e l’inciviltà. «Un dovere esserci»

di Anita Malagrinò Mustica

i cittadini di Cassano e Acquaviva che domenica scorsa hanno ripulito la “via dell’Amicizia” (foto Legambiente – Cassano delle Murge)

Domenica 28 aprile 2019, in occasione della “Giornata mondiale delle vittime di Amianto”, l’associazione giovanile “L’ECO – Il rumore del cambiamento” ha aderito all’iniziativa delle #DomenicheEcologiche, nata dalla collaborazione tra il comune di Acquaviva delle Fonti e il comune di Cassano delle Murge e che ha visto decine di ragazzi impegnati in una mattinata di volontariato ecologico, raccolta rifiuti e pulizia della strada che congiunge i due paesi.

È stata creata una vera e propria squadra, che ha coinvolto molte associazioni, quali Legambiente – Cassano delle Murge, i ragazzi dei Millennials, organizzazione giovanile di Acquaviva delle Fonti, per un obiettivo comune: sensibilizzare la cittadinanza sulla tutela dell’ambiente.

L’impegno di domenica scorsa ha rappresentato un’azione pratica che, anche in vista di ulteriori futuri appuntamenti, possa rigenerare e ripulire il territorio dai rifiuti, restaurando la bellezza e in qualche modo rimediando ai danni che l’uomo causa violando la natura.

il gruppo cassanese (foto L’ECO – il rumore del cambiamento)

I ragazzi provenienti da Cassano si sono dati appuntamento alle 9:15, presso il parcheggio del supermercato Penny Market, per liberare le strade e le aree verdi che ravvivano le città e la nostra vita quotidiana dai rifiuti e dall’incuria di pochi che tengono in ostaggio la Bellezza di intere comunità.

Con questa vera e propria passeggiata ecologica all’insegna della pulizia, si sono gettate le basi per una preziosa collaborazione per la salvaguardia del meraviglioso ambiente murgiano.

«Domenica – dichiara Pasquale Molinari, presidente di Legambiente Cassano – attraverso una corale azione ambientale è stato lanciato un forte messaggio di civiltà: pulizia, educazione e rispetto per il territorio.

A rappresentare Cassano, alcuni cittadini, mamme, i tanti ed entusiasti ragazzi del gruppo “L’ECO – il rumore del cambiamento” e i nostri volontari Legambiente.

Distribuiti i kit Legambiente per la raccolta (magliette/pettorine, cappelli, guanti, sacchi), in poco più di tre ore di lavoro sono stati raccolti e differenziati, secondo la tipologia, circa 25 sacchi grandi tra multilaterale, plastica e vetro. Inoltre, abbiamo raggruppato diversi  rifiuti speciali, quali PFU – pneumatici fuori uso, sanitari rotti e altro materiale abbandonato a bordo strada dove inizia la vegetazione. È stata anche riscontrata la presenza di alcune lastre di eternit che saranno prontamente segnalate agli uffici comunali competenti.

Certamente – continua Molinari – rispetto ad altre zone oggetto di precedenti bonifiche, la “via vecchia di Acquaviva” (almeno nei primi 3 km percorsi) sembra meno inquinata. A dimostrazione che l’assidua frequentazione di un’area pubblica e la giusta illuminazione sono validi deterrenti contro il degrado e l’abbandono selvaggio di rifiuti».

Il circolo Legambiente – Cassano delle Murge, inoltre, sottolinea, in un comunicato come alla manifestazione, alla quale hanno aderito molti cittadini, non fossero presenti consiglieri comunali o assessori di Cassano.

i rifiuti raccolti durante la Domenica Ecologica (foto Legambiente – Cassano delle Murge)

A fine mattinata, gli operatori ecologici hanno organizzato il ritiro dei rifiuti raggruppati lungo la strada. Ora ad entrambi gli accessi principali per la “via dell’Amicizia” è stata affissa la targa di “Area Pulita”.

Legambiente ha poi rivolto un appello ai comuni murgiani chiedendo di incontrarsi per  programmare e mettere in rete queste importanti iniziative di cittadinanza attiva, tra pulizia e scoperta del territorio, coinvolgendo anche le tante e attive associazioni presenti.

All’amministrazione comunale ha chiesto di mettere in campo politiche migliori in materia di rifiuti, fatte di maggiore pulizia e manutenzione del verde urbano ed extraurbano (rurale), mettendo a disposizione installazioni per la raccolta differenziata nei pressi di ogni attività commerciale (Bar e take-away in primis), oltre a nuovi e maggiori cestini per le deiezioni canine,  offrendo incentivi per i cittadini che rispettano l’ambiente e punendo chi inquina con sanzioni. Ai cittadini, infine, Legambiente ricorda quanto sia importante collaborare per mantenere pulito il territorio.

«Quanto più abbandoneremo rifiuti e produrremo secco residuo, tanto più pagheremo care le nostre bollette, la nostra salute e vivremo tra discariche e inceneritori. Prendersi cura della propria Terra è il modo più Naturale per stare bene!».